L'assessore e le luminarie di Natale: "Ennesima strumentalizzazione politica"

Butti replica al PD: "I numeri e la qualità degli allestimenti spazzano via ogni polemica"

L'assessore al Commercio del Comune di Como, Marco Butti, mette a tacere ogni polemica sul tema luminarie. Dopo le lamentele di alcuni commercianti, ma sopratutto dopo le dure critiche del PD, Butti rispedisce ogni accusa al mittente: "Mi spiace che anche le luminarie siano state occasione di plemica e strumentalizzazione poltica, ma penso che i numeri in termini di adesioni e vie coinvolte, oltre che la qualità dell'allestimento, siano la migliore risposata a queste polemiche".

marcobutti

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In tutto sono stati 388 i commercianti che hanno aderito ai progetti di allestimento delle luminarie natalizie nel centro città, garantendo in questo modo che quasi tutte le vie venissero addobbate con luci e decorazioni. Quest'anno i filari sono costituiti ognuno da una grossa palla dorata e una palla decorativa verde con le luci. Le polemiche, come è noto, sono iniziate quando alcuni commercianti hanno fatto notare l'assenza di una data certa di installazione delle luminarie. In effetti mentre in moltissime città le luminarie sono state installate nel corso dell'ultima settimana di novembre, a Como sono state posizionate soltanto tra il 5 e il 6 dicembre. Il PD ha preso le mosse da questo ritardo per scagliarsi contro l'amministrazione. Ma come detto, Butti non ci sta e oltre a sottolineare la qualità del progetto e l'alta adesione da parte degli esercenti del centro, evidenzia un altro aspetto relativo alla sua gestione del settore Commercio: "Rivendico l'azione svolta dal mio settore e dal distretto urbano del commercio: in un anno e mezzo abbiamo radicalmente cambiato, e in meglio, i rapporti con le vie e con le associazioni di categoria. Ogni critica di questi ultimi giorni è puramente pretestuosa".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lettera di un'insegnante del Liceo Giovio che annienta la ministra Azzolina

  • Nuovo Dpcm, la bozza: chiuse le palestre, orario ridotto di negozi, bar e ristoranti

  • Grave al Sant'Anna per covid chiede plasma iperimmune: il comitato etico dice no

  • Nuovo dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18

  • Covid, arriva la stretta su palestre e piscine: le nuove regole

  • Coprifuoco Lombardia: firmata ordinanza, torna l'autocertificazione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
QuiComo è in caricamento