L'ex centro d'accoglienza che continua ad accogliere. Nonostante il degrado

E' chiuso, in disuso. Almeno in teoria. In realtà, secondo il consigliere comunale di opposizione, Marco Butti (Fratelli d'Italia) l'ex centro d'accoglienza di via Ferabosco a Como è tutt'altro che chiuso e in disuso. Con tanto di...

ferabosco-26lug16-4

E' chiuso, in disuso. Almeno in teoria. In realtà, secondo il consigliere comunale di opposizione, Marco Butti (Fratelli d'Italia) l'ex centro d'accoglienza di via Ferabosco a Como è tutt'altro che chiuso e in disuso. Con tanto di documentazione fotografica alla mano Butti ha deciso di segnalare la situazione all'assessore al Patrimonio, Marcello Iantorno: la struttura è frequentata da qualche disperato, così come il vicino parco dove si nota la presenza di bivacchi. All'interno dell'ex centro d'accoglienza qualcuno ha alzato le tapparelle per far filtrare un po' di luce, ha spostato mobili e arredi e, con molta probabilità, ha trascorso varie notti.

"A seguito della segnalazione di alcuni residenti - ha scritto Butti all'assessore - mi trovo nuovamente costretto a denunciare lo stato di degrado ed abbandono in cui versa la porzione dell’immobile di via Ferabosco, un tempo adibito a centro d’accoglienza. Più volte con dichiarazioni preliminari, denunce, così come in occasione della mozione da me presentata, ho denunciato la ridicola chiusura dello stabile con una porta non più funzionante e con un lucchetto facilmente rimovibile. Prendo atto che nonostante le mie segnalazioni nulla è stato fatto per mettere in sicurezza la struttura che presenta uno stato di degrado ed abbandono decisamente peggiorato nel corso degli ultimi anni. Ovviamente questo si è verificato come da documentazione fotografica - ha aggiunto Butti tanto che nel sopralluogo di questa mattina ho potuto constatare un evidente utilizzo degli spazi interni per bivacchi e ricoveri notturni: rispetto al mio ultimo sopralluogo, ad esempio alcuni “arredi” sono posizionati diversamente e anche le tapparelle sono alzate. Segnalo anche che i bivacchi toccano anche il parco vista la presenza di coperte, cuscini e materassi".

L'auspicio di Butti, già espresso con la presentazione nel 2015 di una mozione che però è stata bocciata, è che l'amministrazione possa riqualificare e ristrutturare l'immobile di Ferabosco a Sagnino per destinarlo a un uso da parte di associazioni che necessitano di spazi dove svolgere le loro attività.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo dpcm firmato: il calendario delle regole dal 18 gennaio al 5 marzo

  • Nuove restrizioni dal 16 gennaio al 5 marzo, ora si decide se la Lombardia parte arancione o rossa

  • Como, Alberto apre il suo bar in centro: arriva il controllo della polizia locale

  • Lombardia e Como in zona arancione da lunedì 11 gennaio: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • Como, cosa aspettarsi dal nuovo Dpcm del 16 gennaio: spostamenti, coprifuoco, ristoranti e palestre

  • Con la Lombardia in zona rossa addio scuola in presenza

Torna su
QuiComo è in caricamento