Il sindaco si congratula con Locatelli ministro: evento storico per Como

Prima comasca nella squadra di Governo

La nomina di Alessandra Locatelli a ministro delle Disabilità e della Famiglia è considerato un evento storico per Como. Nella storia repubblicana la nostra città non ha espresso molte personalità politiche di spicco a livello nazionale. I ministri comaschi sono stati pochissimi e, sopratutto, nessuno di loro era donna. Fino a questo momento: Locatelli è la prima "ministra" comasca. Il sindaco Mario Landriscina ha voluto sottolineare questo aspetto nelle congratulazioni pubbliche che ha diffuso per mezzo di una nota stampa.

"Al di là delle differenti posizioni politiche e partitiche - ha commentato Landriscina - tutta Como deve essere orgogliosa di esprimere un ministro della Repubblica italiana, anche considerando l’impegno e l’attenzione dedicati proprio ai temi del sociale e della famiglia da parte di Alessandra Locatelli nel suo ruolo di assessore comunale. Locatelli - ha spiegato il sindaco - è il primo ministro donna tra i comaschi che sono stati scelti per questa responsabilità. L’ultimo ministro espresso dalla nostra città è stato Corrado Passera con il governo Monti, prima di lui Lucio Stanca con il governo Berlusconi, e per i precedenti bisogna tornare agli anni 60 e 70 con Virginio Bertinelli, Antonio Spallino, Mario Martinelli. Con la nuova nomina si arricchisce la storia politica del territorio e la sua rappresentanza parlamentare, attualmente composta da otto esponenti tra i quali un sottosegretario".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo codice della strada, cosa rischiano gli automobilisti comaschi

  • Tragedia a Grandate: un ragazzo di 18 anni si toglie la vita buttandosi dalla torretta dell'acquedotto

  • I magnifici 7: ecco i migliori ristoranti dove mangiare etnico a Como

  • Le 5 migliori osterie per una pausa pranzo a Como

  • Como, studentessa aggredita e molestata alla fermata del bus: arrestato in piazza Vittoria

  • Malore per una bambina appena nata: paura in centro Como

Torna su
QuiComo è in caricamento