La Lega protesta in Municipio contro Lucini e la festa islamica del Sacrificio

"Como cristiana, mai musulmana". E' stato lo slogan ricorrente nella protesta organizzata dalla Lega Nord lunedì sera alle 20 davanti a Palazzo Cernezzi, sede del Comune di Como. Un gruppo di circa una quarantina di militanti del Carroccio hanno...

 

"Como cristiana, mai musulmana". E' stato lo slogan ricorrente nella protesta organizzata dalla Lega Nord lunedì sera alle 20 davanti a Palazzo Cernezzi, sede del Comune di Como. Un gruppo di circa una quarantina di militanti del Carroccio hanno sfoggiato striscione e indossato magliette contro il sindaco di Como Mario Lucini: "Lucini a casa". Megafono alla mano sono intervenuti anche il segretario cittadino Eugenio Zoffili, il parlamentare Nicola Molteni e il consigliere comunale Diego Peverelli. In particolare Zoffili e Molteni hanno ribadito la loro contrarietà alla scelta dell'amministrazione comunale di autorizzare la festa musulmana cosiddetta "del Sacrificio". Benché sia stato ormai chiarito da più parti che nessuno sgozzamento di animali verrà eseguito in piazza, i leghisti hanno affermato comunque di ritenere fortemente inopportuno lo svolgersi della relativa cerimonia che il Comune ha autorizzato.

La protesta si è svolta senza imprevisti e fuoriprogramma. Nessuna contro protesta è stata organizzata per ribattere e replicare ai militanti comaschi della Lega. A tutela dell'ordine pubblico erano presenti una ventina di uomini delle forze dell'ordine, tra polizia e carabinieri.

Potrebbe Interessarti

Torna su
QuiComo è in caricamento