La Lega lancia l'allarme furti: "Colpa dell'immigrazione clandestina"

Como assediata da furti e criminalità, si verificherebbe un furto ogni 3 ore. Si tratterebbe nell'ultimo anno rispetto a quello precedente di un + 30% di furti, + 9% di borseggi, + 7% di rapine e un + 43% di truffe. Solo nelle ultime ore si sono...

 

Como assediata da furti e criminalità, si verificherebbe un furto ogni 3 ore. Si tratterebbe nell'ultimo anno rispetto a quello precedente di un + 30% di furti, + 9% di borseggi, + 7% di rapine e un + 43% di truffe. Solo nelle ultime ore si sono verificate rapine al Carrefour e al Mercatone Uno di Tavernerio e al Gran Mercato di Prestino per non parlare dei furti nelle abitazioni private.

È questo quello che lamenta la Lega Nord che questa mattina, 6 dicembre 2014, è scesa nuovamente nelle strade allestendo un gazebo in via Luini a Como per chiedere più mezzi alla polizia e di conseguenza più sicurezza e forza ai cittadini.

Presenti all’iniziativa insieme a una decina di militanti leghisti anche il parlamentare comasco Nicola Molteni e il consigliere comunale Diego Peverelli. “Dati ufficiali del ministero dell’interno ci dicono che nell’ultimo anno i reati sociali in Italia ma anche in provincia di Como sono aumentati in modo esponenziale – ha commentato Molteni – A Como città e anche in provincia c’è un allarme sicurezza soprattutto per quanto riguarda i furti nelle abitazioni private. Siamo qui per dire basta all’immigrazione clandestina e per dire basta agli svuota carceri. L’ultima vergogna del Governo Renzi è il decreto che depenalizza i reati come la truffa. Chiediamo più attenzione alla sicurezza dei nostri cittadini e tolleranza zero verso chi commette questi crimini.

Potrebbe Interessarti

Torna su
QuiComo è in caricamento