Mercoledì, 23 Giugno 2021
Politica

"La giunta blinda il bilancio: vietati i sub emendamenti"

Nuove regole per l'approvazione del bilancio comunale di previsione: vietato presentare sub emendamenti. L'opposizione a Palazzo Cernezzi è assai polemica verso il sindaco Mario Lucini e la sua giunta per le modifiche apportate al regolamento di...

gaddi1

Nuove regole per l'approvazione del bilancio comunale di previsione: vietato presentare sub emendamenti. L'opposizione a Palazzo Cernezzi è assai polemica verso il sindaco Mario Lucini e la sua giunta per le modifiche apportate al regolamento di contabilità, approvate prima in giunta e poi, ieri, in commissione bilancio con i voti unanimi dei commissari di maggioranza. In poche parole, fino a ieri in sede di discussione di bilancio preventivo ogni consigliere comunale avrebbe potuto presentare sub emendamenti a ogni emendamento. Se le modifiche proposte verranno approvate anche dal consiglio comunale, dal prossimo bilancio 2013 (che arriverà in aula tra maggio e giugno) non sarà più possibile sub emendare. E qui scatta la polemica.

"Le modifiche ai regolamenti comunali - ha commentato Sergio Gaddi (Pdl, nella foto) - dovrebbero essere approvate a larga maggioranza, d'intesa con l'opposizione. Invece per come sono andate le cose in commissione, dove nessun consigliere di maggioranza si è opposto a queste modifiche, ci toccherà battagliare anche se alla fine la maggioranza ci imporrà queste modifiche che invece dovrebbero essere condivise. Lucini sta facendo l'opposto di quello che diceva quando era in opposizione: sta limitando il consiglio comunale nel suo diritto di contribuire alla formazione del bilancio di previsione e vuole imbavagliare soprattutto l'opposizione". Durissimo anche Alessandro Rapinese di Adesso Como che parla addirittura di "regolamento da epoca fascista".

giulia-pusterlaIl sindaco Lucini non è risultato raggiungibile in giornata, ma la replica alle critiche dell'opposizione è arrivata comunque dall'assessore al Bilancio, Giulia Pusterla (foto), che ha voluto chiarire: "Innanzitutto le modifiche devono ancora essere approvate dal consiglio comunale attraverso la normale discussione. Detto questo, ritengo che queste modifiche permettano uno svolgimento dei lavori in sede di discussione del bilancio più ordinato e più favorevole agli stessi consiglieri. Infatti, tra le modifiche proposte è previsto che gli emendamenti possano essere presentati al termine della discussione sul bilancio, in una finestra di 48 ore. In queso modo i consiglieri potranno ragionare e riflettere al meglio sugli emendamenti da presentare e i revisori dei conti potranno esprimersi sulla loro accettabilità e regolarità avendo un quadro completo di tutti gli emendamenti presentati. Togliere la possibilità di presentare sub emendamenti non è, quindi, un danno a nessuno, perché si predispone un nuovo modo di lavorare più fluido e organico a vantaggio proprio di tutti i consiglieri. Tra l'altro in questo modo ci equipareremo alla maggior parte dei Comuni italiani che nel loro regolamento di contabilità non prevedono i sub emendamenti".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"La giunta blinda il bilancio: vietati i sub emendamenti"

QuiComo è in caricamento