Politica

Vaccini anti-covid ai bambini, Claudio Borghi in parlamento invita alla cautela: "No all'obbligo"

Accalorato intervento del leghista consigliere comunale a Como

E' candidato a diventare uno dei paladini delle mamme contrarie alle vaccinazioni anti-covid effettuate indiscriminatamente su tutti i bambini. Il consigliere comuale leghista Claudio Borghi come è noto è anche parlamentare e proprio alla Camera dei Deputati è stato protagonista di un intervento volto a lanciare un appello ai colleghi onorevoli e soprattutto al governo che ha dato via libera alle vaccinazioni anti-covid per i bambini sopra i 12 anni. Una decisione che non è vista di buon grado da moltissimi mamme e papà e che sta alimentando sempre più polemiche, anche e soprattutto in vista della ventilata intenzione di arrivare a vaccinare anche i bambini più piccoli.

"La vaccinazione sui bambini e sui giovani - ha dichiarato Borghi alla Camera - non è qualcosa su cui andare in modo non ponderato. La vaccinazione dei bambini e dei giovani non è la stessa cosa che vaccinare una persona a rischio, perché il rapporto rischi benefici deve essere molto attentamente considerato, non stiamo scherzando. Dato che la mortalità sotto i 19 anni di giovani e bambini sani è zero, ma non zero per cento, zero persone, perché dall'inizio della pandemia sono morti 24 giovani sotto i 19 anni e tutti avevano patologie pregresse. Bene, io sono convinto che seppur rarissimi gli eventi avversi a seguito di un vaccino sono superiori a zero, perché qualsiasi numero è superiore a zero, per cui noi stiamo esponendo in ogni caso dei ragazzi a dei rischi non necessari. Per cui io direi che bisogna fare molta attenzione. Io vedo con preoccupazione relativo a dad per i ragazzi che non saranno vaccinati, dad per i bambini, ma stiamo scherzando? Che cosa facciamo, l'apartheid?".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vaccini anti-covid ai bambini, Claudio Borghi in parlamento invita alla cautela: "No all'obbligo"

QuiComo è in caricamento