Domenica, 24 Ottobre 2021
Politica

Interrogazione per il patrocinio negato ad associazione gay

Non smette di fare discutere il patrocinio che la giunta del Comune di Como ha negato all'associazione Como Gay Lesbica per una rassegna cinematografica sui temi dell'omosessuolaità organizzata al cinema Gloria di via Varesina. Adesso si muove...

Non smette di fare discutere il patrocinio che la giunta del Comune di Como ha negato all'associazione Como Gay Lesbica per una rassegna cinematografica sui temi dell'omosessuolaità organizzata al cinema Gloria di via Varesina. Adesso si muove anche la politica. Dapprima un comunicato dei Giovani Democratici in cui il coordinatore provinciale Alessandro Briccola ha voluto sottolineare che "quanto ha detto il sindaco è fuorviante. La rassegna non propone un "modello" ma vuole semplicemente mostrare dei film che parlano di "un mondo nel mondo", per usare il titolo di un corso sui temi dell'omosessualità, valevole tre crediti, che è stato proposto e organizzato dall'associazione di studenti Gaystatale in collaborazione con docenti universitari e riconosciuto dall'Università degli studi di Milano".

L'interpellanza - La consigliera comunale di opposizione a Palazzo Cernezzi, Roberta Marzorati (Lista per Como) ha invece predisposto un'interpellanza rivolta al sindaco di Como Stefano Bruni per chiedere "perchè sia stato percepito come "provocatorio" (intervista rilasciata da Gaddi a QuiComo.it) l'aver indicato quale tematica il mondo GLBT. Se la ragione stia nel fatto che la parola "omosessualità" è l'unica che si possa accettare perchè "lesbica","transessuale","transgender" e "queer" evocano ancora scenari osceni. Dall' ascolto di tanti giovani non si evocano scenari osceni ma al contrario spesso emergono le sofferenze delle persone, la solitudine e la mancata integrazione nella società". Inoltre la Marzorati chiede se "bisogna desumere che la lotta contro l'omofobia non sia un valore riconosciuto e da difendere, visto che " il patrocinio ha la valenza di riconoscimento di un valore", come esplicitato dall' assessore Gaddi, e nella richiesta l' associazione ha indicato come motivo della rassegna la lotta contro l' omofobia". La Marzorati infine commenta: "Ho saputo che lo stesso patrocinio negato dal Cmune è stato invece rilasciato dall'amministrazione provinciale. Mi chiedo perché il Comune non abbia dato una risposta ufficiale. L'associazione ha infatti appreso dalla stampa che il patrocinio di Palazzo Cernezzi le era stato negato".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Interrogazione per il patrocinio negato ad associazione gay

QuiComo è in caricamento