rotate-mobile
Martedì, 27 Settembre 2022
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Insulti e minacce in consiglio: sfiorata la rissa

Insulti e minacce in consiglio comunale a Como martedì sera (15 aprile 2014). Un'accesa lite è scoppiata tra il consigliere di opposizione Alessandro Rapinese (Adesso Como) e il consigliere di maggioranza Vincenzo Sapere (Paco-Sel). Il tutto è...

Insulti e minacce in consiglio comunale a Como martedì sera (15 aprile 2014). Un'accesa lite è scoppiata tra il consigliere di opposizione Alessandro Rapinese (Adesso Como) e il consigliere di maggioranza Vincenzo Sapere (Paco-Sel). Il tutto è nato da un primo scontro verbale tra Rapinese e Marco Andrea Luppi (PD). Nel suo intervento sul regolamento per i criteri delle alienazioni degli immobili comunali Luppi ha utilizzato un'espressione che ha indispettito alcuni consiglieri della maggioranza: "Insinuare che si vogliano generare favoritismi è i una assurdità colossale, malevola e inopportuna, che si scontra con l'evidenza della lettera, sempre che si sappia leggere...". Rapinese ha voluto replicare all'intervento del consigliere PD: "Trovo che il riferimento del fatto di saper leggere sia da piccolo uomo ed è di cattivo gusto non dire chi secondo lei non sappia leggere". Luppi durante l'intervento di Rapinese è uscito dall'aula. Mentre si incamminava verso la porta Rapinese ha utilizzato un'espressione colorita per dirgli di uscire. E' a questo punto che è scoppiata l'ira di Sapere che si è avvicinato a Rapinese urlando fino a dirgli "ti faccio una faccia così" mentre Rapinese continuava a dirgli di stare zitto e di sedersi. Raffaele Grieco (PD) è intervenuto ponendosi fisicamente tra i due consiglieri nel timore che i due potessero venire alle mani. Il clima si è faticosamente disteso e la vicenda si è conclusa con interventi di chiarimento da parte di Sapere e Rapinese senza, però, che nessuno dei due si sia scusato esplicitamente con l'altro.

Si parla di

Video popolari

Insulti e minacce in consiglio: sfiorata la rissa

QuiComo è in caricamento