rotate-mobile
Politica

Rapinese: "Basta bufale sul Natale a Como, a dicembre imposta di soggiorno da record"

Il sindaco commenta "l'unico dato oggettivo": gli hotel erano più pieni degli anni passati

La discussione sul Natale a Como contro Città dei Balocchi non si è ancora spenta del tutto, a riaccenderla è il sindaco Alessandro Rapinese con un commento al dato relativo all'imposta di soggiorno, da lui considerata come "l'unico dato oggettivo" per valutare come sia andato il periodo di dicembre. Orbene, dal 1 al 31 dicembre 2022 nelle casse comunali sono entrati precisamente 87.230euro di imposta di soggiorno versati dalle strutture ricettive (hotel, bnb, case vacanze ecc.). Si tratta del 20,64% in più rispetto al dicembre 2021, quando sono stati 72.306 euro.

Per Rapinese tanto basta per decretare il successo delle festività natalizie di quest'anno: "Questo è l'unico dato oggettivo del Natale a Como. Evidentemente il turismo non ha nulla a che vedere con il fatto che la città fosse illuminata o meno come gli anni passati. Il dato dell'imposta di soggiorno, obiettivamente il più alto di sempre per dicembre, sbugiarda una volta per tutte le bufale sul Natale a Como". Per il sindaco Rapinese, dunque, la kermesse natalizia avrebe ottenuto un risultato invidiabile: "Abbiamo avuto alberghi pieni e turisti con una città vivibile. E' davvero il massimo. Chissà se anche a Lecco e Varese gli alberghi erano pieni".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapinese: "Basta bufale sul Natale a Como, a dicembre imposta di soggiorno da record"

QuiComo è in caricamento