I danni della Pedemontana: "a Grandate il sindaco rifiuta l'assemblea pubblica"

Niente assemblea pubblica per discutere del cantiere della Pedemontana e dei presunti danni che avrebbe provocato al territorio, a partire dagli allagamenti nelle aziende e dai cedimenti di terreno. Era previsto per giovedì 26 febbraio l'incontro...

frana-pedemontana-1-grandate

Niente assemblea pubblica per discutere del cantiere della Pedemontana e dei presunti danni che avrebbe provocato al territorio, a partire dagli allagamenti nelle aziende e dai cedimenti di terreno. Era previsto per giovedì 26 febbraio l'incontro organizzato dal gruppo consiliare Grandate il mio paese, rappresentato in consiglio da Dario Lucca. "Ma il sindaco Monica Luraschi non ha dato la sua autorizzazione spiegandoci che lo Statuto comunale dà la possibilità di convocare un'assemblea pubblica solo al sindaco". Secondo Lucca, però, Luraschi "si sta sottraendo al confronto con i cittadini senza pensare al fatto che l'incontro è stato pensato per poter chiedere e avere chiarimenti e non per fomentare la popolazione di Grandate. Del resto da un anno e mezzo è stata consegnata una petizione con 700 firme al sindaco proprio per chiedere un'assemblea pubblica".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo dpcm firmato: il calendario delle regole dal 18 gennaio al 5 marzo

  • Nuove restrizioni dal 16 gennaio al 5 marzo, ora si decide se la Lombardia parte arancione o rossa

  • Como, Alberto apre il suo bar in centro: arriva il controllo della polizia locale

  • Con la Lombardia in zona rossa addio scuola in presenza

  • Lombardia e Como in zona rossa dal 17 al 31 gennaio: cosa si può fare e cosa no

  • Chiara Ferragni, nuovo post nostalgico sul lago di Como: "Spero di comprare lì una casa vacanze"

Torna su
QuiComo è in caricamento