Lunedì, 14 Giugno 2021
Politica

Grande mostra 2011 a rischio: in maggioranza c’è chi non la vuole

Luigi Bottone, consigliere comunale del gruppo Autonomia Liberale, ha proposto ai suoi colleghi due emendamenti che potrebbero mettere in seria difficoltà l'assessore alla Cultura di Como Sergio Gaddi (Pdl), impegnato in queste settimane ad...

Luigi Bottone, consigliere comunale del gruppo Autonomia Liberale, ha proposto ai suoi colleghi due emendamenti che potrebbero mettere in seria difficoltà l'assessore alla Cultura di Como Sergio Gaddi (Pdl), impegnato in queste settimane ad organizzare a Como la grande mostra di Villa Olmo 2011. La rassegna annunciata verterà sulla Belle Epoque italiana, con quadri di Boldini, ma anche di Zandomenichi e molti altri.

Gli emendamenti proposti da Bottone, come detto, sono due. Il primo chiede di stralciare completamente dal prossimo bilancio il contributo per la grande mostra: vale a dire annullare il contributo previsto di 280mila euro da parte del Comune. Il secondo emendamento è un'alternativa al primo: qualora la maggioranza dovesse ritenere inopportuno stralciare l'intero contributo, Bottone chiede che venga almeno sensibilmente diminuito.

I due emendamenti sono al vaglio del gruppo Autonomia Comasca. Ci sarà poi un confronto anche con la Lega Nord e il Pdl per capire se esiste una linea condivisa sul da farsi riguardo alle grandi mostre.

Bottone ha così spiegato le sue proposte: "Le grandi mostre di Gaddi hanno sempre prodotto buchi di bilancio ogni anno e se sommiamo questi deficit arriviamo alla cifra di un milione di euro. Un milione che poteva esserre speso diversamente. Villa Olmo non ha bisogno delle grandi mostre in questo momento, ma ha bisogno di manutenzione e ristrutturazioni. Pensiamo solo alla passeggiata di Villa Olmo come è ridotta".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Grande mostra 2011 a rischio: in maggioranza c’è chi non la vuole

QuiComo è in caricamento