Gaddi contro Cavadini: "Mostra Villa Olmo flop, lo ammetta"

"Un fallimento". Così il consigliere comunale del Pdl ed ex assessore alla Cultura, Sergio Gaddi, ha definito la grande mostra di Villa Olmo dedicata a Sant'Elia e organizzata dal suo successore, Luigi Cavadini. Nella conferenza stampa di questa...

"Un fallimento". Così il consigliere comunale del Pdl ed ex assessore alla Cultura, Sergio Gaddi, ha definito la grande mostra di Villa Olmo dedicata a Sant'Elia e organizzata dal suo successore, Luigi Cavadini. Nella conferenza stampa di questa mattina (4 luglio 2013), Gaddi, insieme ai colleghi del gruppo consiliare, Anna Veronelli e Francesco Scopelliti, ha criticato duramente la rassegna d'arte inaugurata il 24 marzo scorso (e che si concluderà il 14 luglio). Gaddi ha fornito alcuni dati sull'andamento dei visitatori e degli introiti della mostra "La città nuova. Oltre Sant'Elia". Dati che, ha detto, sono stati recuperati con richieste di accesso agli atti e che sarebbero, secondo lui, "sicuri".

"Mostra flop: 80% in meno di visitatori"

I biglietti staccati fino al 28 giugno sono stati 14.233. "Ammettendo che la mostra si concluda con 17mila visitatori - ha commentato Gaddi - vorrebbe dire un calo dell'82% rispetto alla precedente mostra sulla dinastia Brueghel, e un calo del 66% rispetto al traguardo dei 50mila visitatori annunciato da Cavadini. Si tratta di un 80% in meno rispetto alla media delle altre nove grandi mostre che ho organizzato in passato".

"Buco di bilancio di 200mila euro"

Gaddi ha affrontato anche l'aspetto economico: "La mostra è costata 780mila euro che si sarebbe dovuta ripagare in parte con gli sponsor privati, in parte, cioè circa 300mila euro, con gli incassi della biglietteria. Ma dalla biglietteria si prevedono introiti di circa 100mila euro. Significa uno sbilancio di circa 200mila euro su quanto previsto". Inoltre il consigliere Pdl, tra il serio e il faceto, ha detto: "Proporrò agli sponsor di fare causa al Comune per un nuovo reato: vilipendio di logo. E' ovvio che non hanno avuto nessuno beneficio da questa mostra e i loro marchi non sono stati valorizzati".

"Pronti ad azioni politiche"

Gaddi, Scopelliti e Veronelli hanno insistito sul fatto che "il fallimento della mostra di Cavadini è palese e ora deve prenderne atto ed ammettere il flop". "Noi - hanno aggiunto - siamo pronti ad azioni politiche. Ci confronteremo con i colleghi di opposizione". Non hanno parlato esplicitamente di mozione di sfiducia o richiesta di dimissioni, ma gaddi ha commentato: "Io davanti a un simile fallimento mi sarei dimesso e se fossi stato sindaco di sicuro avrei rimosso l'assessore".

Dal canto suo Cavadini ha fatto sapere di non volere per ora commentare: "Il bilancio sulla mostra di Villa Olmo lo farò rassegna conclusa".
Si parla di

Video popolari

Gaddi contro Cavadini: "Mostra Villa Olmo flop, lo ammetta"

QuiComo è in caricamento