Politica

Troppi furti e rapine nell'Erbese: l'interrogazione parlamentare della Lega per dire "basta"

Zoffili primo firmatario del documento che chiede più polizia nelle strade comasche

Un'interrogazione parlamentare per chiedere al ministro dell'interno "quali misure il Governo ritenga di dover assumere per arginare la pressione crescente della criminalità e per garantire la sicurezza della proprietà privata in tutto l’Erbese ed in particolare a Lurago ed Inverigo e cosa attenda il Governo ad incrementare i presidi delle forze dell’ordine nella provincia comasca".

E' questo uno stralcio dell'interrogazione presentata dall'onorevole Eugenio Zoffili, primo firmatario del documento presentato insieme ai colleghi comaschi Alessandra Locatelli, Nicola Molteni e Claudio Borghi.

L'interrogazione prende spunto da recenti fatti di cronaca, come la tentata effrazione nell'abitazione di un'anziana di Lurago d'Erba.

“Così non si può più andare avanti - tuona Zoffili - perché i cittadini sono esasperati per questa continua escalation di criminalità che sta interessando l’Erbese ormai da troppo tempo. Questa mattina, prima di partire per Roma siamo passati per un saluto al Teatro Sociale di Como alla festa della polizia. Un gesto dovuto per ringraziare i nostri bravi agenti costretti, purtroppo, a lavorare sempre in sottonumero a causa del completo abbandono dei governi di sinistra. Oggi abbiamo depositato l’ennesima interrogazione al ministro dell’interno sui furti di Pasqua a Lurago d’Erba e Inverigo".

"Vogliamo una risposta chiara dal governo - aggiunge Zoffili - per arginare la pressione crescente della criminalità e per garantire la sicurezza della proprietà privata in tutto l’Erbese ed in particolare a Lurago ed Inverigo. I cittadini hanno tutto il diritto di vivere in tranquillità e non nel terrore, ma questo è possibile solamente con un incremento dei presidi delle forze dell’ordine nella Provincia comasca”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Troppi furti e rapine nell'Erbese: l'interrogazione parlamentare della Lega per dire "basta"

QuiComo è in caricamento