rotate-mobile
Elezioni comunali 2022 Monte Olimpino / Via Bellinzona

Imbrattati con svastiche i manifesti elettorali di Rapinese

In via Leoni, invece, sono stati "corretti" i manifesti di Minghetti

Clima politico rovente a Como: non che ci fosse bisogno di ulteriori conferme, ma la campagna elettorale dei candidati sindaci sarà quanto mai appassionante e combattuta quest'anno. Lo si vede dai manifesti. O meglio, lo si evince da come vengono imbrattati i manifesti elettorali dei candidati. In via Bellinzona tutti quelli raffiguranti Alessandro Rapinese sono stati rovinati con scritte, baffi e svastiche sulla fronte dipinti disegnati con pennarello rosso.
In via Leoni, invece, alcuni manifesti della candidata del centrosinistra, Barbara Minghetti, sono stati per così dire "corretti". La scritta 'candidato sindaco' è stata corretta in 'candidata sindaca'.

Sulla vicenda che ha coinvolto Rapinese, la stessa Minghetti ha così espresso la sua solidarietà: "Apprendo ora dell'atto vandalico che qualche incivile ha commesso, danneggiando alcuni manifesti elettorali del candidato Rapinese. Chi cataloga questi atti, o le volgarità espresse nei giorni scorsi verso Molteni, come semplici bravate sbaglia, perché sono inaccettabili e meritano una condanna immediata e incondizionata. Questo modo di vivere la politica, anche nella contrapposizione, non è e non sarà mai il mio. Como ha bisogno di serietà e di civiltà, non c'è spazio per le teste calde. Ai candidati, ai loro volontari e sostenitori, la mia solidarietà". 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Imbrattati con svastiche i manifesti elettorali di Rapinese

QuiComo è in caricamento