rotate-mobile
Elezioni comunali 2022

Lorenzo Spallino: "Il Comune non è una palude ma una macchina complessa troppo spesso umiliata"

L'ex assessore riprende amorevolmente Manoukian e cita il padre Antonio, il sindaco più amato di Como

Avvocato, ex assessore sotto la giunta Lucini, ma soprattutto uomo di grandi passioni, non solo politiche. Sufficientemente riservato e mai ridondante nelle sue uscite, quando Spallino scrive lo fa sempre con il suo amato fioretto. E ancora una volta, in punta di penna, è intervenuto con una pacata riflessione su una delle questioni che ha infiammato il dibattito politico in vista delle ormai imminenti elezioni per il nuovo primo cittadino di Como. Ci riferiamo ovviamente all'incontro organizzato nei giorni scorsi da Barbara Minghetti, candidata sindaco alla guida della colazione di centrosinistra. Di seguito riportiamo lo scritto di Lorenzo Spallino, che analizza la vicenda da un punto di vista molto interessante. 

spallino broletto-2

Non temo la palude in sé. Temo la palude in me

Presente all’interessante incontro di martedì 10 maggio organizzato da Barbara Minghetti allo Yacht Club di Como, il Presidente di Confindustria Como, Aram Manoukiam, ha rotto la tradizionale riservatezza per un breve ma sentito intervento per sensibilizzare, più i presenti che i relatori, a far rete attorno al prossimo primo cittadino: "Io auguro a Barbara di essere un’amministratrice meravigliosa ma auspico che oltre alla leadership ci siano un’alleanza, una mobilitazione, spirito e anima per sostenerla perché altrimenti, se lei va lì in quella palude, in questa città distratta e un po’ dormiente, farà molta fatica".

Ero presente e con tutto l’affetto e la stima per Aram Manoukian, ottimo presidente della principale associazione di categoria di questa città, confesso che mi è suonata stonata la definizione del Comune come una palude. Saranno i cinque anni passati lì dentro, sarà la tradizione familiare, ma l’idea è quella di una macchina tanto complessa quanto non di rado umiliata da chi è stato stato scelto per guidarla.

Ritornano le parole pronunciate il 24 febbraio 1992 da mio padre (Antonio Spallino, ndr) in un incontro organizzato presso la Biblioteca Comunale dal titolo “Etica e prassi” (*), titolo profetico se da lì a pochissimo avrebbe avuto avvio la stagione di Mani Pulite. Dialogando con il professor Luigi Lombardi Vallauri a proposito delle spinte criminogene e della cultura dell’amministrazione, papà disse: "L’istituzione, dicevo, in che situazione si colloca? Certo essa attraversa una situazione estremamente delicata, che è il riflesso della società, perché è solo angelistico pensare che le istituzioni, ma anche lo sport, siano dei satelliti che galleggiano salvifici per qualche loro particolare dote. Le istituzioni sono espressione della società: e più la società privilegia valori negativi, più le istituzioni sono investite da questi disvalori e più la gestione delle istituzioni, allontana dalla politica gli uomini che vivono la vita quotidiana nella professione, negli impieghi, in senso pieno, più le istituzioni saranno occupate dai falliti della vita. E badate che i falliti della vita hanno una sorta di attitudine schizofrenica: non potendo dimenticare i fallimenti propri sono preda del bisogno di trasferire sui loro funzionari, trasformate in arroganza, le frustrazioni che hanno dentro di loro. Il che vuol dire distruggere l’apparato della burocrazia",

Se è così, ha sicuramente più che ragione il Presidente di Confindustria Como quando dice che oltre alla leadership ci deve essere un’alleanza con la società - e dovremmo tutti riflettere sul fatto che queste parole siano state pronunciate da una persona nota per la sua riservatezza - ma sono convinto che tutto parta da una scelta a monte da parte della società.

Parafrasando Gaber a proposito di Berlusconi (in realtà la frase è di Gian Piero Alloisio), non temo la palude in sé. Temo la palude in me". 

(*) Etica e prassi è una quaderno dell’allora centro culturale della Democrazia Cristiana, A. De Gasperi, stampato con il n. 2/1992. Interventi di Luigi Lombardi Vallauri e Antonio Spallino. Prefazione di Maurizio Padoan e postfazione di Giuseppe Anzani.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lorenzo Spallino: "Il Comune non è una palude ma una macchina complessa troppo spesso umiliata"

QuiComo è in caricamento