rotate-mobile
Elezioni comunali 2022

Minghetti: "Togliere ai comaschi Villa Olmo per un mese è follia"

"A cosa serve noleggiare Villa Olmo a un privato con un avanzo di bilancio di 27 milioni?"

Ora insorgono tutti. Peccato succeda solo a giochi fatti, la notizia della concessione da parte del Comune dell'edificio neoclassico a un privato risale infatti almeno allo scorso aprile. Villa Olmo, affittata al magnate inglese per un mese, e quindi tolta ai cittadini senza troppi scrupoli da parte del Comune. è così solo ora al centro del dibattito politico. 

Tra le tante voci ferocemente contrarie, si alza anche quella di Barbara Minghetti, candidata sindaco del centrosinistra, che sentenzia così: "Affittare Villa Olmo e i suoi parchi togliendola ai comaschi per l’intero mese di giugno è follia. A cosa serve un milione di affitto se non sono stati capaci di investirne oltre 30 dell’avanzo di bilancio? In questi giorni la campagna elettorale sta occupando molto spazio sui media e in città. Quasi sotto l’uscio, anzi con toni di successo, è stato presentato il “noleggio” di Villa Olmo a un magnate, per un mese intero e nel periodo in cui è più frequentata dai comaschi. Una follia". 

"Intendo chiedere - aggiunge Minghetti - l’accesso agli atti e comprendere come si sia potuto arrivare a questa decisione così penalizzante per i cittadini, senza informare il consiglio comunale. A che pro, tra l’altro? Per il milione di euro di “guadagno”? E cosa pensava di farsene l’amministrazione che non è riuscita ad investire i soldi dei contribuenti? A cosa serve noleggiare Villa Olmo e i suoi parchi a un privato, quando si ha in cassa un avanzo di bilancio di 27 milioni?". 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Minghetti: "Togliere ai comaschi Villa Olmo per un mese è follia"

QuiComo è in caricamento