rotate-mobile
Elezioni comunali 2022

Gaurisco, Pd: "La destra comasca ha svenduto Villa Olmo per un pugno di sterline"

Feroci scambi di accuse per il matrimonio del magnate inglese in vista delle elezioni amministrative a Como

Dopo l'attacco di Giordano Molteni, candidato sindaco del centrodestra, sulla caldissima questione di Villa Olmo, il Partito Democratico risponde con Gabriele Guarisco, consigliere comunale e candidato alle prossime elezioni amministrativedel 12 giugno: "La destra che si candida a guidare Como vaneggia da settimane di poteri forti e cospirazioni. Ma è proprio ai poteri forti che la stessa destra comasca, debole e fiacca alla guida della città, ha svenduto Villa Olmo per un pugno di sterline":

“La blindatura di Villa Olmo per un mese - prosegue Guarisco - è semplicemente inconcepibile. Ma siamo davanti alla conseguenza naturale dell'inerzia amministrativa della giunta Landriscina. Se in cinque anni non riesci a portare a termine neppure gli interventi che i tuoi predecessori avevano già impostato (prendiamo per esempio le serre, a carico degli assessori ai lavori pubblici che si sono avvicendati nel mandato Landriscina) né ad avviare la stabile gestione della villa e degli eventi (con la costituzione dell'apposita fondazione, dossier affidato all'assessore Butti), dire sì a un facoltoso uomo d'affari che ti offre 1,3 milioni di euro ti sembrerà più che vantaggioso. Minimo sforzo, massima resa.

"Un milione di euro - aggiunge il consigliere Dem - sono poi una cifra imponente in senso assoluto. Ma qui parliamo di un miliardario: una persona che, per sua fortuna, di milioni ne ha almeno mille. Quindi, prendi il saldo del tuo conto corrente bancario e dividi per mille. Non dimenticare il risultato e poi pensa che, se tu vuoi organizzare una festa, di una giornata, nel salone del centro civico di Albate, dovrai pagare al Comune circa 140 euro. Ecco così avrai un'idea di quanto poter affittare Villa Olmo per un mese intero al costo di poco più di un milione di euro sia stata una vera occasione per il misterioso magnate inglese. A prezzo di saldo. Conclusione: per i poteri forti (i finanzieri della City londinese lo sono per antonomasia, no?) il miglior alleato è un'amministrazione pubblica fiacca e debole come quella che ci stiamo lasciando alle spalle. Quello che invece serve a Como è un sindaco che lavori con competenza, efficacia e tempi certi perché Villa Olmo e il suo parco siano un polo culturale realmente attivo e un bene di tutti sempre. Barbara Minghetti Sindaco ha le qualità e le idee per farlo” conclude il consigliere". 
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gaurisco, Pd: "La destra comasca ha svenduto Villa Olmo per un pugno di sterline"

QuiComo è in caricamento