rotate-mobile
Elezioni comunali 2022

Doha Zaghi e il video blasfemo, anche Rapinese contro Minghetti: "E' indifendibile"

Il candidato civico contro la rivale del centrosinistra: "Mancanza di rispetto per chi crede nel simbolo del crocifisso"

Ne fa una questione innanzitutto di rispetto per chi crede nella Chiesa e nel simbolo del crocifisso. Alessandro Rapinese non si lascia scappare l'occasione di poter attaccare Barabara Minghetti, una dei suoi principali rivali alle elezioni alla carica di sindaco di Como. In un video diffuso ai suoi potenziali elettori attraverso WhatsAppa e i social network, Rapinese prende le mosse dalle dichiarazioni di Minghetti al quotidiano La Provincia con le quali prende le difese di Doha Zaghi, la candidata (o meglio, l'ex candidata) di Agenda Como 2030 salita aglionori delle cronache nazionali per via dei video hard tra i quali uno blasfemo in cui bestemmia e colpisce i genitali di un uomo con un crocifisso. "Capisco il bisogno di colorare la campagna elettorale - ha commentato Minghetti al quotidiano di via Paoli - ma sarebbe bello che nel 2022 ci concentrassimo su cose serie".
Insomma, Minghetti tende a minimizzare il clamore suscitato dalla professione di Doha Zaghi, ma è di parere totalmente opposto il suo avversario. "Io non sono bigotto - dice Rapinese nel video - ma mi chiedo se tu Barabara hai mai visto quel video prima di valutare la candidata. E' una questione di rispetto per chi crede in quel simbolo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Doha Zaghi e il video blasfemo, anche Rapinese contro Minghetti: "E' indifendibile"

QuiComo è in caricamento