rotate-mobile
Martedì, 16 Aprile 2024
Politica Cernobbio

Elezioni a Cernobbio, scende in campo maestra Emilia

L'attuale consigliera di opposizione scioglie la riserva e annuncia la sua candidatura per la lista "Tu a Cernobbio"

Maestra Emilia. E’ così che la conoscono molti cernobbiesi. Alcuni li ha avuti come studenti, altri come loro genitori. Emilia Bianchi, insegnante, ex volontaria della Croce Rossa del Basso Lario e, da cinque anni, consigliera comunale nei banchi della minoranza con Paolo Furgoni, ha sciolto la riserva e ha annunciato ufficialmente la sua candidatura a sindaco di Cernobbio. 

Cernobbiese da 25 anni, sposata, due figli poco più che maggiorenni e una vita da maestra della scuola primaria, Emilia Bianchi correrà alle elezioni amministrative del 14 e 15 maggio. "Purtroppo in questi cinque anni di consiglio comunale - commenta Bianchi nella nota stampa con cui annuncia la sua candidatura - lo scontro e la mancanza di discussione hanno caratterizzato il governo di questa città. Paese ricco di umanità e risorse ma completamente abbandonato a se stesso dal punto di vista sociale. Senza progetti reali, solo interventi ad hoc, visibili ma poco incisivi. Desidero che Cernobbio torni ad essere un luogo di relazioni vere tra persone, grandi e piccole, di attenzione anche ai più fragili, un luogo sicuro dove la cura e la valorizzazione del territorio e l’ecosostenibilità siano una priorità, dove sia possibile incontrarsi, stare insieme, avere servizi adeguati, dove poter trovare casa e fare famiglia, dove poter parcheggiare in comodità, fare la spesa, incontrare e incontrarsi anche negli stabili comunali ormai in disuso, dove potersi muovere in sicurezza, dove anche i più piccoli abbiano voce in capitolo".

"Non credo nella retorica dell’uomo solo al comando - aggiunge maestra Emilia, spendendo i primi nomi che la sosterranno in lista - un po’ perché sono donna, un po’ perché ho sempre insegnato ai miei giovani alunni il valore della collaborazione, del gruppo e della ricchezza del confronto. Confronto vero, franco, che arricchisce. Per questo ho deciso di raccogliere l’invito del nostro gruppo a candidarmi insieme a donne e uomini che non hanno Cernobbio in testa ma nel cuore. Persone come Ivano Mazza, ex presidente del consiglio, che in questi anni è stato un valido supporto a noi consiglieri di minoranza, presente sul territorio e dalla vasta competenza amministrativa. Pietro Gellona, paesaggista ma soprattutto presidente dell’Associazione Giardino della Valle, che ha raccolto l’eredità di Nonna Pupa, un esempio di recupero urbano di un luogo abbandonato rinato a nuova vita. Come Elena Urio, attiva da tempo nella tutela del territorio come Guardia Ecologica Volontaria e nella comunità come segretaria del comitato delle Strii de Ruena. E tanti altri, candidati e non, che hanno dato la loro disponibilità a partecipare a questo gruppo".

Tu a Cernobbio, questo il nome scelto per la lista di Emilia Bianchi. "Un nome che mette al centro l’individuo, il cittadino e le sue necessità - commenta la candidata -. Una comunità fatta di persone che si pongono l’interrogativo di cosa voglia dire vivere a Cernobbio e quale sia il valore aggiunto che il singolo possa dare alla comunità".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni a Cernobbio, scende in campo maestra Emilia

QuiComo è in caricamento