rotate-mobile
Venerdì, 7 Ottobre 2022
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Verso le elezioni a Cantù: Pagani promette tagli alle spese

“Cantù: il futuro possibile”. Questo il titolo dell’incontro che si è tenuto venerdì sera 27 gennaio nell’aula consiliare di Piazza Marconi di Cantù, organizzato dal futuro candidato sindaco del PD, Antonio Pagani, supportato dai parlamentari...

“Cantù: il futuro possibile”. Questo il titolo dell’incontro che si è tenuto venerdì sera 27 gennaio nell’aula consiliare di Piazza Marconi di Cantù, organizzato dal futuro candidato sindaco del PD, Antonio Pagani, supportato dai parlamentari Chiara Braga e Antonio Misiani del PD. L’incontro, aperto al pubblico, è stato pensato per spiegare ai canturini alcune tematiche fondamentali sia a livello di politica nazionale, sia a livello di politica locale. La crisi economica, il federalismo fiscale, la situazione politica nazionale, sono soltanto alcune delle tematiche affrontate durante la serata. Condita anche da un fuori programma: durante la serata, infatti, un militante di Forza Nuova è entrato in sala contestando pesantemente la riunione (vedi il video). Dopo questo momento di tensione, Misiani ha delineato la linea che il PD segue a livello nazionale: secondo il deputato del PD, si può uscire dalla crisi soltanto pensando seriamente alla crescita delle politiche economiche. Antonio Pagani, invece, si è soffermato principalmente sul significato di alcune scelte che vengono effettuate a livello locale: “Il federalismo fiscale - dichiara Pagani - è stato affrontato soltanto dal punto di vista delle entrate, mai delle uscite”. La proposta di Pagani, infatti, è quella di razionalizzare la voce delle spese nel bilancio comunale, intervenendo a 360 gradi. “Coloro che amministrano dichiarano di non mettere le mani nelle tasche dei canturini. In realtà, però, un prezzo da pagare c’è stato: l’alienazione del suolo pubblico, che è stato venduto per poterci edificare. Tutto ciò ha portato ad un enorme consumo di suolo”. Altro nodo affrontato da Pagani è stato quello delle liberalizzazioni: nonostante il decreto non sia ancora attuativo a livello locale tutto ciò avrà un peso, ad esempio nella ridefinizione del ruolo delle società partecipate.

Si parla di

Video popolari

Verso le elezioni a Cantù: Pagani promette tagli alle spese

QuiComo è in caricamento