Politica

Consigliera comunale di Lugano propone: "Vietare la pubblicità dei negozi italiani"

Un altro capitolo nella saga delle "guerre di frontiera" tra italiani e ticinesi. Questa volta a suscitare critiche e polemiche è la proposta arrivata dalla consigliera comunale di Lugano Petra Schnellmann che ha depositato l'altro giorno...

Mentre qui tiriamo la cinghia, un Comune ticinese concede 500 franchi a tutti

Un altro capitolo nella saga delle "guerre di frontiera" tra italiani e ticinesi. Questa volta a suscitare critiche e polemiche è la proposta arrivata dalla consigliera comunale di Lugano Petra Schnellmann che ha depositato l'altro giorno un'interrogazione per chiedere di vietare a Lugano la pubblicità di attività commerciali italiane. A darne notizia è stato il sito Tico.ch dove è comparso anche il commento della consigliera Shnellmann contenuto nella sua mozione: "Sempre più spesso, vediamo sul nostro territorio promozioni che invitano a fare acquisti oltre frontiera. Se in alcuni casi l'ente pubblico non ha nessuna influenza su queste scelte commerciali in particolare altre situazioni hanno viceversa voce in capitolo."

"Mi riferisco puntualmente alle affissioni Società Generali Affissioni (SGA) e alle occupazioni di area pubblica - si legge inoltre nel documento della Shnellmann -. Nel primo caso alla SGA, una specifica convenzione con la Città per l'esposizione su area pubblica, si potrebbe imporre di evitare promozioni di commerci d'oltre frontiera. Nel secondo caso evitare - l'ultimo caso fu sabato scorso 19.11.2016 dove in Piazza Dante uno spazio promuoveva un negozio di Como con tanto d'invito a farsi risarcire l'IVA - di concedere area pubblica intesa a pubblicizzare commerci italiani."

Infine una domanda dai toni retorici: "In un periodo dove i commerci di Lugano sono in difficoltà, vuoi per la crisi economica, vuoi per il franco forte e la vicinanza dell'Italia, non ritiene il Municipio di inserire nella convenzione con SGA il divieto di pubblicizzare commerci italiani come pure evitare, nel modo più assoluto, di concedere l'occupazione di area pubblica intesa alla promozione di attività commerciali italiane?".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Consigliera comunale di Lugano propone: "Vietare la pubblicità dei negozi italiani"

QuiComo è in caricamento