Como, perché tagliare il tasso di piazza San Rocco: parla il vicesindaco leghista

Migranti, dopo piazza San Rocco interventi anche ai giardini ex zoo

"Sappiamo che non bastano questi interventi per risolvere il problema, ma si tratta di dare risposte concrete ai cittadini che ce le hanno chieste. Quel cespuglio è diventato una latrina a cielo aperto e alcuni cittadini ci hanno raccontato che dietro quelle fronde succede di tutto". A parlare è il vicesindaco di Como, Alessandra Locatelli (Lega Nord), che come noto già dalla campagna elettorale ha preso a cuore il problema le lamentele dei residenti in alcune zone dove regna il degrado e dove, dicono, viene vissuto un rapporto conflittuale con l'alta presenza di migranti.

Piazza San Rocco è una di queste zone. Il taglio del tasso, anticipato in esclusiva su QuiComo in questo articolo, è lì'ennesima azione messa in campo dall'amministrazione comunale "per cercare di combattere il degrado di quella zona dove, tra l'altro, vigono alcuni vincoli paesaggistici", ha spiegato Locatelli.

Non a casa prima di tagliarre la pianta si è dovuta esprimere la commissione paesaggistica. "Noi avremmo voluto semplicemente potare la pianta - ha inoltre spiegato il vicesindaco - ma siccome in mezzo al cespoglione si erge un grosso palo la commissione paesaggistica ha ritenuto che la potatura avrebbe causato un danno alla visuale di quell'angolo di città. Per tanto bisognerà rimuovere anche il palo, ma per farlo bisognerà anche rimuovere l'intera pianta".

Sebbene nelle ultime settimane abbia fatto discutere molto l'intervento del Comune in piazza San Rocco (prima con l'eliminazione dei bagni chimici, poi con la rimozione di alcune panchine usate dai migranti, infine con il tagli del tasso) il vicesindaco Locatelli promette maggiori attenzioni anche ad altre zone soggette a degrado e brutte frequentazioni: "Mi rifersico all'area dei giardini dell'ex zoo, Interverremo anche lì per riportare sicurezza e vivibilità. Non è giusto che certe cattive frequentazioni impediscano ai cittadini comaschi di usufruire di alcune zone che si trovano, tra l'altro, nel cuore del centro città".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo dpcm firmato: il calendario delle regole dal 18 gennaio al 5 marzo

  • Nuove restrizioni dal 16 gennaio al 5 marzo, ora si decide se la Lombardia parte arancione o rossa

  • Como, Alberto apre il suo bar in centro: arriva il controllo della polizia locale

  • Lombardia e Como in zona arancione da lunedì 11 gennaio: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • Con la Lombardia in zona rossa addio scuola in presenza

  • Parla Sarah la (ex) fidanzata comasca di Genovese: "Non faccio più uso di droghe"

Torna su
QuiComo è in caricamento