Como, approvato il bilancio: "Mai più ad agosto"

Approvato il bilancio di previsione 2014 del Comune di Como. Alla fine, dopo cinque estenuanti sedute durate anche fino al mattino, la maggioranza del sindaco Mario Lucini ha approvato il 2 agosto il più importante documento dell'amministrazione...

Approvato il bilancio di previsione 2014 del Comune di Como. Alla fine, dopo cinque estenuanti sedute durate anche fino al mattino, la maggioranza del sindaco Mario Lucini ha approvato il 2 agosto il più importante documento dell'amministrazione. La discussione in aula ha visto protagonista l'opposizione con la presentazione di 172 emendamenti e 40 ordini del giorno che hanno spinto i consiglieri di maggioranza a limitare il più possibile i loro interventi per chiudere entro questo sabato il bilancio.

Dibattito su Ztl e differenziata

La serata conclusiva di ieri ha visto la maggioranza condividere alcune proposte dell'opposizione ma non due su temi molto caldi e attuali: raccolta differenziata e Ztl. A presentarli sono stati i due consiglieri di Forza Italia, Sergio Gaddi e Anna Veronelli. Sul servizio di raccolta differenziata si chiedeva al sindaco di riferire in aula entro il 30 ottobre di quest'anno sullo stato di avanzamento del servizio e sulle possibili modifiche alla luce della "inadeguatezza del servizio di raccolta rifiuti e degli orari non consoni delle attività produttive della città". Il documento è stato bocciato, così come quello sulla Ztl che chiedeva al sindaco di impegnarsi a revocare il provvedimento della nuova Ztl finché non fossero stati realizzati i lavori di riqualificazione delle piazze interessate dal provvedimento.

Sindaco in aula su paratie e lungolago

Approvato l'ordine del giorno di Gaddi e Veronelli (FI) che impegna il sindaco a relazionare in aula entro il prossimo 30 settembre sull'andamento e le novità relative al cantiere delle paratie. Sempre sul tema paratie approvato anche l'ordine del giorno di Laura Bordoli (NCD) che impegna sindaco e giunta a stanziare prelevare risorse dall'avanzo di gestione per incrementare il cosiddetto fondo rischi in vista di contenziosi con la ditta che sta eseguendo i lavori del lungolago e che ha chiesto al Comune 11 milioni di euro in più.

Politica di contenimento dei tagli

Quattro ordini del giorno di Luca Ceruti (M5S) hanno impegnato sindaco e giunta a contenere i tagli nei settori del turismo, cultura, sistema idrico e pubblica istruzione. In particolare sul tema turismo il documento approvato parla della necessità che il Comune prenda "coscienza della vocazione turistica della città rendendo più accattivante e ricca l'offerta turistica del comparto comasco cercando di creare un 'prodotto Como'".

Politeama e parco del San Martino

Approvate anche alcune proposte di Marco Butti (gruppo misto), come quella di predisporre un calendario di aperture primaverili ed estive del parco del San Martino nel 2015. Il sindaco dovrà adoperarsi con l'azienda ospedaliera Sant'Anna e con l'Asl affinché ciò sia fatto. Un'altra proposta di Butti impegna il sindaco a presentare entro la fine dell'anno le strategie per riapertura del teatro Politeama e impegnarsi con il Tavolo della competitività per intercettare finanziamenti pubblici.

"Mai più bilancio ad agosto"

Un ordine del giorno presentato da Alessandro Rapinese e Ada Mantovani (Adesso Como) impegna il sindaco a portare in discussione il bilancio di previsione entro l'ultimo mese che precede l'inizio dell'anno al quale fa riferimento il bilancio di previsione. Il ritardo con il quale è stato approvato il bilancio previsionale 2014 del Comune di Como, ancorché nei limiti delle proroghe consentite dal Governo, rappresenta a detta di molti un record nella storia di Palazzo Cernezzi. Tale ritardo è stato un po' il leitmotiv degli interventi di dichiarazione di voto dei consiglieri di opposizione.

Si parla di

Video popolari

Como, approvato il bilancio: "Mai più ad agosto"

QuiComo è in caricamento