Politica

Cantù, la Lega con le liste civiche al ballottaggio.

Nicola Molteni ha ufficializzato stamani gli apparentamenti per il ballottaggio. Niente PDL, bensì spazio ancora alle liste civiche. Si aggiungeranno a sostegno alla  coalizione costituita da Lega Nord, La Destra per Cantù e Impronta Civica, anche...

molteni-apparentamenti

Nicola Molteni ha ufficializzato stamani gli apparentamenti per il ballottaggio. Niente PDL, bensì spazio ancora alle liste civiche. Si aggiungeranno a sostegno alla coalizione costituita da Lega Nord, La Destra per Cantù e Impronta Civica, anche In Cantù di Matteo Ferrari e Autonomia Canturina di Paolo Frigerio. Durante la conferenza stampa, Molteni ha spiegato i motivi di questa decisione: "Abbiamo ufficializzato l'apparentamento in pochissimo tempo. Questo accordo è basato sulla condivisione di idee, progetti e programmi. Vogliamo rilanciare la città di Cantù. Siamo forze politiche che ci riconosciamo nell'area di centro-destra". E a proposito di centro-destra, sul mancato apparentamento con il PDL, Molteni specifica: "Abbiamo deciso di non apparentarci. E' evidente che si sarebbe creato uno squilibrio all'interno della rappresentanza comunale, rispetto ai numeri del primo turno". Molteni, dichiara che c'è grande rispetto nei confronti del PDL e ringrazia pubblicamente Paola Sala. La coordinatrice del PDL cittadino, infatti, ha rassegnato ieri le sue dimissioni ma ha anche dichiarato di sostenere personalmente Nicola Molteni. Nicola Molteni dichiara anche di ispirarsi al modello Tosi, il quale sarà presente a Cantù lunedì. Paolo Frigierio, parla di "Scelta dettata dall'esigenza di governare Cantù", mentre Matteo Ferrari precisa che: " La nostra è stata una scelta democratica. Abbiamo votato e la maggioranza ha deciso di appoggiare Molteni. Sono stato contatto sia da Bizzozero che da Nicola Molteni, nessuno dei due mi ha offerto posti o cadreghini. A onor del vero, una diversa scelta avrebbe permesso a noi di avere due posti in consiglio, mentre con Molteni ne avremo uno solo. Ma abbiamo deciso di scegliere la persona Molteni". E la giunta? Su questo punto, Molteni non si sbilancia: "Ce l'abbiamo parzialmente in testa. Ma parlarne è ancora prematuro". Infine, Molteni lancia un appello al voto a tutti i leghisti delusi o indignati dalle vicende nazionali e che hanno messo i voti "nel congelatore": "Mi auguro che ci sia l'effetto trascinamento e che si torni a votare".

Intanto sono in corso confronti e contatti anche nel centrosinistra. Sel, con Francesca Viganò, ha appogiato fin da subito dopo il primo turno la lista lavori in Corso di Claudio Bizzozero, mentre resta in sospeso l'esito dei contatti tra Bizzozero e il PD di Antonio Pagani.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cantù, la Lega con le liste civiche al ballottaggio.

QuiComo è in caricamento