Venerdì, 24 Settembre 2021
Politica

Alessio Butti firma per togliere i bus dai Portici Plinio: Pdl spaccato

Sabato scorso l'assessore alla Viabilità del Comune di Como, Stefano Molinari, è sceso in piazza per raccogliere le firme a favore della pedonalizzazione della zona compresa tra piazza Roma e i Portici Plinio, con conseguente soppressione del...

Sabato scorso l'assessore alla Viabilità del Comune di Como, Stefano Molinari, è sceso in piazza per raccogliere le firme a favore della pedonalizzazione della zona compresa tra piazza Roma e i Portici Plinio, con conseguente soppressione del capolinea dei bus. Un'iniziativa che è suonata come una pressione nei confronti della giunta e soprattutto come una sfida nei confronti del gruppo consiliare del Pdl che già si era pronunciato contro il provvedimento rivoluzionario (detto in senso viabilistico) di Molinari. Addirittura mercoledì il sindaco ha stralciato dall'ordine di giunta la proposta del provvedimento che doveva essere discussa dall'esecutivo (si dice l'abbia fatto per evitare una figuraccia a Molinari, vista la bocciatura assicurata). Ma Molinari insiste: lunedì porterà di nuovo il provvedimento e, costi quel che costi, se lo farà bocciare. Lui è convinto che la gente voglia la soppressione del capolinea e la pedonalizzazione dell'area, almeno stando alle 230 firme raccolte.

E qui veniamo al nodo puramente politico. Tra queste firme c'è anche quella del coordinatore provinciale del Pdl, cioè il senatore Alessio Butti. Ecco allora che la vicenda del provvedimento, che inizialmente sembrava solo una questione tecnico-viabilistica, assume i contorni di un vero e proprio caso politico. Diamo solo qualche dettaglio per mettere a fuoco il contesto in cui si svolge questa diatriba tutta interna al Pdl.

1) Sul gazebo allestito sabato da Molinari in piazza Boldoni per raccogliere le firme era affisso lo striscione del coordinamento provinciale Pdl, segno che Molinari è sicuro di muoversi con il consenso del coordinamento.

2) Con Molinari, in piazza, c'erano anche i Giovani del Pdl.

3) Anche Alessio Butti ha firmato la raccolta firme.

4) Il vicecoordinatore provinciale del Pdl, l'assessore provinciale Patrizio Tambini, si era già espresso a favore del provvedimento viabilistico in occasione di un tavolo tecnico-politico che si è tenuto tre mesi fa con Molinari, Tambini, i dirigenti del Comune e della Provincia, e con l'ad e il direttore di Asf Autolinee.

Tanto basta a Molinari per non abbassare la testa e andare dritto per la sua strada, a costo di sbattere contro il muro eretto dal gruppo consiliare del Pdl in Comune (assessori compresi). Che Molinari sia uomo di Butti è cosa arcinota, ma proprio per questo, forse, l'intenzione è di colpire Butti mettendo i bastoni tra le ruote al "suo" assessore.

Resta da capire i motivi. Forse il provvedimento proposto da Molinari è davvero gradito alla cittadinanza e, in vista di elezioni, nessuno vuole lasciare alcun vantaggio in termini di consensi all'area Pdl vicina al senatore, il quale, tra l'altro, potrebbe addirittura essere il prossimo candidato sindaco del centrodestra.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alessio Butti firma per togliere i bus dai Portici Plinio: Pdl spaccato

QuiComo è in caricamento