Politica

Bocciato il progetto immobiliare Albate Centro. La maggioranza del sindaco Bruni si è spaccata ancora

La maggioranza del sindaco di Como, Stefano Bruni, si è divisa ancora. Questa volta sul piano di recupero Albate Centro che prevedeva la realizzazione in via Canturina 192 di 132 appartamenti più altre unità immobiliari destinate al commercio e al...

La maggioranza del sindaco di Como, Stefano Bruni, si è divisa ancora. Questa volta sul piano di recupero Albate Centro che prevedeva la realizzazione in via Canturina 192 di 132 appartamenti più altre unità immobiliari destinate al commercio e al terziario. L variante urbanistica del piano di recupero, che era stata già adottata circa un anno fa, è stata sottoposta ieri all'approvazione definitiva ma, nonostante le indicazioni del sindaco (che in qualità di assessore all'Urbanistica era anche il proponente della relativa delibera consiliare) è stata bocciata. A "tradire" la maggioranza è stato il gruppo di Autonomia Liberale, mentre la Lega Nord ha confermato il voto dato un anno fa in occasione dell'adozione.

Ecco i numeri e i nomi della votazione che ha mandato sotto la maggioranza del sindaco Bruni: 21 voti contrari, 15 favorevoli. Tutti i 13 presenti dell'opposizione hanno votato compatti contro l'approvazione. In maggioranza hanno votato a favore i 14 presenti del Pdl più Carlo Ghirri (Gruppo misto), mentre hanno votato contro i due leghisti Giampiero Ajani e Guido Martinelli, e 6 consiglieri di Autonomia Liberale: Mario Pastore, Luigi Bottone, Andra Anzi, Piercarlo Frigerio, Pasquale Buono, Emanuele Lionetti (asente Arturo Arcellaschi).

Il voto di ieri sera impone, anzi, ripropone una riflessione sulla solidità della maggioranza di Bruni. Non è la prima volta che vengono bocciate le delibere proposte dalla maggioranza. ieri è stata bocciata una delibera presentata dallo stesso Bruni. E' chiaro che gli autonomisti vogliono fare pesare la loro compatezza e il loro numero per indurre Bruni a cedere alle loro richieste. Già, ma quali richieste? A sentire loro le bocciature di alcune delibere non rappresenterebbero assolutamente ricatti politici. "Come abbiamo già detto più volte - ha ribadito ieri il gruppo - procediamo delibera per delibera, esprimendoci in piena autonomia su ciascuna di esse, senza che ci debbano essere per forza dietro ragioni politiche".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bocciato il progetto immobiliare Albate Centro. La maggioranza del sindaco Bruni si è spaccata ancora

QuiComo è in caricamento