Venerdì, 25 Giugno 2021
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Cantù, le scuse di Bizzozero a Molteni: "Per i modi, non per i contenuti"

“Preciso che le scuse sono relative al tono e ai modi, non al contenuto politico”. Si  è trattato di un “primo gesto di riconciliazione” dopo la movimentatissima seduta di lunedì in cui il sindaco Bizzozero aveva dato del “mangiapane a tradimento”...

“Preciso che le scuse sono relative al tono e ai modi, non al contenuto politico”. Si è trattato di un “primo gesto di riconciliazione” dopo la movimentatissima seduta di lunedì in cui il sindaco Bizzozero aveva dato del “mangiapane a tradimento” a Nicola Molteni, deputato e consigliere della Lega Nord, che tralaltro stasera era assente. A seguito di quell’insulto, tutta la minoranza aveva abbandonato l’aula e la seduta era stata sospesa. Claudio Bizzozero, stasera, prima che il consiglio entrasse nel merito della questione bilancio preventivo (approvato con 16 voti favorevoli, 2 contrari e 2 astenuti) ha letto le sue scuse. E come ha precisato, è stato per lui “un dovere istituzionale”: “La seduta di lunedì è stato l’ultimo atto della campagna elettorale. Mi scuso con tutti. Ogni sindaco è innanzitutto una persona in carne ed ossa”. Il sindaco, ha fatto intendere che l’unica colpa che si attribuisce è quella di aver ecceduto nei toni durante la querelle con Molteni, ma ribadisce il suo pensiero e parla di “Una trappola, e io ci sono cascato dentro. Poco conta che questo scontro sia stato costruito ad arte”.

Inoltre, Bizzozero promette: “D’ora innanzi ignorerò completamente le provocazioni e le polemiche sterili” ma non rinuncia a dare una stoccata alla Lega, accusata di aver usato per 20 anni toni ben più accesi per apostrofare gli avversari politici e poi aggiunge: “Da quale pulpito viene la predica?”. Scuse che sono apparse poco convincenti alla minoranza. Come forma di “protesta”, i gruppi consiliari di minoranza hanno deciso di dimezzare la loro presenza in aula: Per il PD è rimasto a discutere il bilancio preventivo solo Antonio Pagani (Vittorio Spinelli esce dall’aula), la Lega ha presenziato con Alessandro Brianza (escono poco prima della discussione sul bilancio preventivo Edgardo Arosio e Giorgio Masocco, assente Molteni). Rimangano in aula per il PDL Andrea Lapenna (unico rappresentante, dato che Attilio Marcantonio è presidente del consiglio) e Paolo Frigerio di Autonomia canturina, movimento che ha un solo esponente in consiglio. Ma la minoranza, soprattutto Lega Nord è PDL non è tenera: Arosio (Lega), dichiara: “Bastava usare due semplici parole: chiedo scusa. Un sindaco non può fare quello che hai fatto tu”. Frigerio (A.C.): “Non ricordo di essermi mai sentito così umiliato. Come pretende di governare la città se non riesce a governare se stesso?”. Lapenna (PDL), è sicuramente il meno tenero: “Oltre ad essere impulsivo è sempre stato maleducato. Se non fossi da solo, me ne sarei andato anch’io”.

Si parla di

Video popolari

Cantù, le scuse di Bizzozero a Molteni: "Per i modi, non per i contenuti"

QuiComo è in caricamento