Politica

Il bando degli eventi estivi cucito su misura per gli artisti di strada

Sembra surreale ma è tutto vero: piazze e via di Como appaltate a concertini in loop da mezz'ora

Artisti di stada

La vicenda è quasi surreale. E non tanto perché siamo a giugno e quindi in abbondante ritardo. A suscitare stupore, almeno stando a quanto trapela dall'atteso bando per gli eventi estivi da 70 mila euro, sono le regole d'ingaggio, chiamiamole così, sui cui lo stesso si basa. Regole che, salvo ripensamenti o correttivi dell'ultima ora, sembrano di fatto andare a contraddire proprio una delle battaglie principe di questa amministrazione, ovvero quella contro gli artisti di strada. Ciò che chiede il bando sembra infatti costruito per creare da luglio a settembre un estate in città cucita su misura per gli artisti di strada: concerti di mezz'ora, ripetibili nell'arco della serata, nello stesso luogo ma possibilmente anche altrove, senza ampiflicazione e probabilmente pure senza palco. 

Facile desumere che nessun musicista con un minino di nome possa sottostare a simili regole che impediscono di fatto un qualsiasi spettacolo strutturato. Facciamo un esempio recente. Lo scorso anno in piazza Grimoldi ha suonato Alberto Fortis: provate a immaginare che dopo mezz'ora interrompa il suo spettacolo o lo riprenda dopo una bella pausa nello stesso posto. Oppure, peggio ancora, che dopo mezz'ora debba fare i bagagli e spostarsi altrove ripetendo magari lo stesso repertorio. 

Vien da ridere o da piangere. Fate voi. Chi può sottostare a tutto ciò? Semplicemente chi abitualmente già lo fa: gli artisti di strada. Non certo dei professionisti che hanno nella loro dimensione live una forma espressiva completamente diversa. Ma dopo averli combattuti, paradossalmente ora si chiede soccorso proprio a loro o quanto meno alla forma artistica che rappresentano con la loro musica. Tanti bei concertini da mezz'ora, che possibilmente non disturbini troppo ma facciano sembrare che anche a Como in estate c'è un programma. 

Se tutto ciò si svilupperà esattamente in questo senso, lasciando la stagione estiva in mano alla più triste improvvisazione di sempre, forse a Como abbiamo un probema. Un altro problema. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il bando degli eventi estivi cucito su misura per gli artisti di strada

QuiComo è in caricamento