rotate-mobile
Martedì, 16 Aprile 2024
Politica

Assoluzione paratie, il Pd: "Ora si scusi chi ha costruito la propria fortuna politica tentando di demolire Lucini"

I Dem comaschi: "Dopo sette anni, finalmente giustizia"

Arrivata la sentenza, subito si riaccende la polemica tra Dem e forze rivali in città. "Dopo sette anni, la Magistratura conferma un dato di fatto di cuI, insieme alla stragrande maggioranza dei cittadini comaschi, non abbiamo mai dubitato: Mario Lucini è innocente. Ci teniamo a mostrargli tutta la nostra vicinanza e supporto in questo giorno di sollievo e liberazione che mette finalmente un punto fermo a un calvario giudiziario durato troppo a lungo” dichiarano gli esponenti comaschi del Partito Democratico di Como, il segretario cittadino Tommaso Legnani, e i membri del gruppo consiliare Dem, Patrizia Lissi, Stefano Fanetti, Gabriele Guarisco e Stefano Legnani.

“La sentenza - aggiungono - conferma la correttezza e l'onestà di Mario Lucini che ha sempre svolto il suo ruolo di Primo cittadino con estrema serietà e professionalità. Con il cantiere delle paratie, Lucini ha ereditato dalla precedente amministrazione di centrodestra una situazione difficilissima e ha fatto di tutto per risolvere una questione caotica dovuta ad altri. La sentenza di assoluzione che arriva oggi riabilita la figura di Lucini, pur arrivando a caro prezzo in termini di tempo ma soprattutto di pesantissime accuse e squallido sciacallaggio dai più svariati avversari politici. Alcuni di questi hanno costruito la propria fortuna politica sui tentativi di demolire la figura dell’ex sindaco di Como, su proclami forcaioli e sul fango. Nel giorno in cui mettiamo la parola “fine” a questa vicenda, vorremmo sentire proprio queste voci chiedere scusa. A Mario - sindaco, politico, amico - va tutto l’affetto del Partito Democratico di Como”.

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Assoluzione paratie, il Pd: "Ora si scusi chi ha costruito la propria fortuna politica tentando di demolire Lucini"

QuiComo è in caricamento