Politica

A Como consigli di quartiere al posto delle circoscrizioni

Consigli di quartiere (o consigli di partecipazione) composti da cittadini volontari, senza nessuna rappresentanza politica. Saranno la nuova realtà del territorio comunale di Como che andranno, in qualche modo, ad occupare la funzione che prima...

Consigli di quartiere (o consigli di partecipazione) composti da cittadini volontari, senza nessuna rappresentanza politica. Saranno la nuova realtà del territorio comunale di Como che andranno, in qualche modo, ad occupare la funzione che prima era dei consigli di circoscrizione (ora aboliti). Lo ha deciso il consiglio comunale ieri sera, approvando la mozione "salviamo i quartieri" del consigliere di opposizione Luca Ceruti (M5S). La mozione di Ceruti è stata modificata con un emendamento presentato da Laura Bordoli (Gruppo misto), Ada Mantovani (Adesso Como) e Anna Veronelli (Pdl). In poche parole il documento, così come approvato, impegna il consiglio comunale "ad istituire una commissione speciale che entro 6 mesi dal suo insediamento rediga una proposta di regolamento che istituisca e disciplini numero, composizione, modalità di formazione, attribuzioni e confini geografici degli organismi di partecipazione e/o di forme di cittadinanza attiva".

La mozione è passata con il voto favorevole di tutti i presenti, tranne Luca Ceruti che si è astenuto perché ha ritenuto che il valore della sua mozione fosse stato snaturato dalla presenza, nell'emendamento, della doppia congiunzione "e/o" che non darebbe certezza sulla realizzazione di una possibilità di cittadinanza attiva.

Ad ogni modo, il testo della mozione approvata pone dei paletti alla politica. infatti, nella sua parte conclusiva la mozione afferma quanto segue: "Tenendo conto che per tali organismi il fine sia quello favorire la massima e democratica partecipazione dei cittadini alle scelte politiche, economiche, sociali e culturali della città ed individuare un nuovo modello di sviluppo locale, fondato sulla valorizzazione delle risorse sociali, ambientali, territoriali da parte della comunità, quindi esso non deve essere una mera riproposizione di rappresentanze politiche già espressione all'interno del consiglio comunale con rapporti di forza ben precisi, quindi è necessario svincolare questi organismi da tale rappresentanza".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Como consigli di quartiere al posto delle circoscrizioni

QuiComo è in caricamento