Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

15mila euro per Coordinamento della pace: bagarre in consiglio

Polemica e serrata discussione nell'aula del consiglio comunale di Como, lunedì sera, sulla delibera per l'adesione del Comune al Coordinamento comasco della pace. A tenere banco è stato soprattutto il punto della delibera che dispone di erogare...

Polemica e serrata discussione nell'aula del consiglio comunale di Como, lunedì sera, sulla delibera per l'adesione del Comune al Coordinamento comasco della pace. A tenere banco è stato soprattutto il punto della delibera che dispone di erogare quasi 15mila euro al coordinamento. Per la precisione la delibera (approvata con i soli voti di maggioranza) dispone di "aderire al Coordinamento comasco per la par la pace accettando di rispettare contestualmente l'atto costituivo e lo statuto e di rinnovare l'adesione al Coordinamento nazionale degli Enti locali per la pace e i diritti umani di Perugia, corrispondendo le relative quote di adesione e rispettivamente euro 13.642,08 ed euro 1.000 per l'anno 2013; in particolare la quota di adesione al Coordinamento comasco per la pace può essere erogata valorizzando in parte servizi e beni che il Comune può mettere a disposizione per la realizzazione delle attività programmate congiuntamente".

Dall'opposizione sono giunte numerose critiche da diversi consiglieri. In particolare è stata contestata l'opportunità di erogare simile cifra per una tematica giudicata non prioritaria. Francesco Scopelliti (Pdl) ha commentato: "Se questo Coordinamento servisse ad evitare che un solo proiettile colpisse una persona, io stanzierei anche metà del bilancio comunale, ma sappiamo che non è così". Anche Laura Bordoli e Marco Butti (gruppo misto) hanno espresso l'inopportunità di erogare simile cifra. in particolare Butti ha chiesto il motivo dell'adesione al Coordinamento per la pace e non a un altra realtà che si occupa delle stesse tematiche. Marco Servettini (Amo la mia città), Italo Nessi e Marco Tettamanti (Como Civica) hanno difeso e sostenuto il valore dell'adesione al Coordinamento.

Dall'opposizione è stato, quindi, proposto un subemendamento (presentato da Ada Mantovani di Adesso Como e firmato da Mario Molteni, Luca Ceruti e altri) a un emendamento della maggioranza per chiedere che il 50% della cifra da erogare al Coordinamento fosse attinto ai gettoni di presenza dei consiglieri e alle indennità di sindaco e assessore, ma la proposta non è stata accettata e non è stata nemmeno messa in discussione. per protesta l'opposizione è uscita tutta dall'aula.

Si parla di

Video popolari

15mila euro per Coordinamento della pace: bagarre in consiglio

QuiComo è in caricamento