Il festival degli artigiani canturini non si arrende al covid e diventa digital

Talk, webinar e virtual tour delle botteghe: in partenza l’iniziativa che dà visibilità agli artigiani del legno di Cantù

Il valore delle produzioni Made in Italy è riconosciuto in tutto il mondo, tanto che questo marchio, negli ultimi decenni, è diventato per i consumatori un vero e proprio sinonimo di eccellenza, qualità, attenzione al dettaglio e raffinatezza.

Per tutte le attività produttive legate al mondo dell’artigianato, fiere, rassegne e festival, costituiscono da sempre momenti importanti che permettono a queste realtà e ai produttori di mostrare al mercato il valore delle loro produzioni e di entrare in contatto diretto con i consumatori allargando così il bacino della propria utenza.

Ecco perché l’attuale emergenza sanitaria, e il conseguente annullamento, o rinvio a data da destinarsi, di eventi fieristici e manifestazioni di questo genere, è stato un duro colpo per l’intero settore dell’artigianato, privato all'improvviso di queste potenziali vetrine per le proprie produzioni.

Fortunatamente, alcuni festival del settore hanno saputo ripensarsi in chiave digitale riuscendo, grazie a questa forma rinnovata, a dare voce al mondo dell’artigianato e ai suoi rappresentati anche in questo difficile anno.

Dal 19 al 22 novembre, infatti, si terrà l’ottava edizione di Cantù Città del Mobile – Festival del legno, in veste interamente virtuale e interattiva. In continuità con il tema dello scorso anno – la Provocazione – il filo conduttore squisitamente attuale di questa ottava edizione sarà l’Audacia, concepita come tratto caratteriale necessario per andare oltre le avversità avvalendosi dell’ingegno, della fantasia, della visione e delle competenze manuali.

Per rispettare tutti i protocolli sanitari e di sicurezza anti-covid, il Festival del legno di Cantù ha rivoluzionato il proprio format grazie al lancio di una piattaforma web estremamente intuitiva e facilmente navigabile, capace di ricreare un itinerario virtuale tra le botteghe degli artigiani del legno canturini: Botteghe Aperte Virtual Tour.

Tramite una sezione dedicata del sito, infatti, gli utenti potranno accedere a una mappa interattiva e da qui passeggiare digitalmente per le 25 botteghe artigianali aderenti all’iniziativa, guidati in questo loro percorso da video-racconti e contenuti multimediali per conoscere i processi produttivi di queste realtà, i segreti del loro saper fare, la loro passione e ovviamente i frutti del loro lavoro.

Come ogni anno, inoltre, grazie all’iniziativa Shopping&Design ci sarà un vero e proprio fuori-festival: le vetrine dei negozi canturini diventeranno per l’occasione spazi espositivi fisici e virtuali, grazie a un’apposita sezione del sito e al rilancio sui social media dell’inziativa.

Sempre all’insegna dell’audacia, anche Alfabeto del Legnamée, l’iniziativa dedicata ai più piccolini cambia pelle: in un percorso a tappe per il centro di Cantù, i bambini si imbatteranno nell’alfabeto di parole sul legno canturino in italiano, inglese e dialetto locale. Per ovviare alle recenti normative, inoltre, la mostra diffusa si trasferirà sul web: nella sezione dedicata, a breve verranno caricate le foto delle vetrine allestite e dei pannelli esplicativi.

E infine i talk, le mostre, i convegni e gli eventi che si svolgeranno saranno trasmessi in streaming per consentirne a tutti la fruizione in assoluta sicurezza.

Un evento importante, Cantù Città del Mobile – Festival del legno, capace di dare visibilità alle realtà artigianali canturine attive nella lavorazione del legno.

Le foto presenti nel seguente contenuto sono state scattate prima della pandemia globale. A seguire un video del precedente festival.

In Evidenza

I più letti della settimana

  • Como, anche Natale e capodanno in casa: ristoranti chiusi, il nuovo Dpcm cambia direzione

  • Como, litiga con la moglie e cammina per 450 chilometri per smaltire la rabbia

  • Lockdown di Natale: dal 20 dicembre al 10 gennaio tutti a casa

  • Zona arancione, cosa si può fare a Como da domenica 29 novembre

  • Allarme al Sant'Anna, 3 bambini colpiti dalla sindrome di Kawasaki. Forse correlazione con covid

  • Como in zona arancione da domani o dal 4 dicembre? Ma cambia poco

Torna su
QuiComo è in caricamento