L'aliscafo diventa un "pezzo" da museo: nuova vita per la Freccia dei Gerani

Esposto al museo della Barca Lariana

Dopo quarant'anni di navigazione, l'aliscafo Freccia dei Gerani vivrà una nuova vita, grazie alla collaborazione tra Navigazione Lago di Como e Fondazione del Museo della Barca Lariana. L'imbarcazione è stata infatti trasferita via lago da Dervio a Pianello del Lario dove verrà destinata all'esposizione al pubblico.
Ultimo esemplare della sua tipologia di aliscafo, Freccia dei Gerani è stato costruito nel 1977 ed ha effettuato il servizio di linea nel Lago di Como trasportando con i suoi quasi 22 metri di lunghezza pendolari e turisti fino al 2016.
 
" Purtroppo, la nostra Freccia dei Gerani non era più in grado di svolgere il servizio pubblico ed ogni attività di manutenzione si sarebbe rilevata antieconomica e non in grado di ripristinare livelli di sicurezza e comfort di servizio adeguati agli standard qualitativi che vogliamo garantire ai nostri clienti, viste le ormai precarie condizioni - afferma il Direttore di Esercizio Navigazione Lago di Como Giovanni Bizzarri-. Per questo abbiamo accolto con grande piacere la richiesta di Fondazione Museo della Barca Lariana di annoverarlo nella propria raccolta di imbarcazioni per l'esposizione al pubblico; in questo modo abbiamo evitato la sua demolizione".
 
"Siamo davvero onorati di poter avere con noi una imbarcazione di grande bellezza e di poterle dare una nuova casa. Freccia dei Gerani merita di poter essere vista ed apprezzata non solo dai tanti appassionati che ne conoscono le caratteristiche, ma anche dal pubblico che tutti i giorni lo vedeva sfrecciare nelle acque del Lario e che oggi può vedere la fantastica linea di questo gioiello della navigazione nel nostro Museo." chiosa il Presidente della Fondazione Ferdinando Zanoletti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autocertificazione per chi si sposta: il modulo aggiornato (il quarto)

  • Dall'ospedale Spata scrive una durissima lettera a Gallera: "I medici non sono stati coivolti nelle decisioni"

  • Il questore di Como chiarisce i casi in cui per la spesa e i farmaci si può uscire dal proprio comune

  • Pasqua blindata, restrizioni almeno fino al 18 aprile

  • Il grido d'aiuto degli infermieri di Como: "Siamo pochi e ci stiamo ammalando"

  • All'ospedale Sant'Anna 20 dipendenti contagiati: sono medici, infermieri e operatrici socio-sanitarie

Torna su
QuiComo è in caricamento