Allarme caldo in provincia di Como, temperature oltre 35 gradi: i consigli per difendersi dall’afa

E' la settimana più calda dell'estate: ecco cosa ci aspetta e come affrontarla

Repertorio

Settimana di fuoco in provincia di Como: anche sul Lario è arrivato il caldo torrido annunciato dai meteorologi con temperature roventi, afa e umidità.

Nella giornata di lunedì 30 luglio 2018 sul Lario i termometri hanno registrato in media temperature tra i 33 e i 34 gradi: il picco massimo si è toccato a Carimate, in zona depuratore, con 35,3 gradi secondo le rilevazioni del Centro Meteo Lombardo, il punto più fresco, invece, è stata la Colma di Sormano, con 25,7 gradi (ma siamo a oltre mille metri).
In città sono stati registrati 34,7 gradi dalle centraline dell'Aero Club e dell'Università.

Il caldo non darà tregua neanche nei prossimi giorni ed è subito allerta almeno per le categorie più fragili, in primis anziani e bambini: da oggi e fino a giovedì 2 agosto il bollettino Humidex - Disagio da calore emesso da Arpa Lombardia segnala condizioni di disagio forte, colore rosso. Un grado che indica forte sensazione di malessere, pericolo, -si legge sul sito di Arpa- per cui è consigliabile evitare le attività fisiche all’aperto o in luoghi non climatizzati.

I consigli degli esperti per difendersi da caldo e afa

Indicazioni che si vanno ad aggiungere a quelle degli esperti per evitare pericolosi colpi di calore.
"I consigli che diamo sono rivolti soprattutto alle persone fragili, come bambini e anziani specialmente affetti da patologie croniche - spiega il presidente dell'Ordine dei medici di Como Gianluigi Spata- ma vanno bene per tutti: uscire nelle ore fresche della mattina presto e alla sera tardi. Durante il giorno se si esce coprire sempre la testa per evitare colpi di calore e comunque meglio restare in casa, con finestre e persiane chiuse. Utilizzare, se possibile, i condizionatori per rinfrescare gli ambienti evitando però di tenere una temperatura troppo bassa e soprattutto non posizionare gli apparecchi proprio dietro la schiena".

Fondamentale, ribadiscono i medici, l'alimentazione: "La cosa più importante- prosegue Spata-è l'idratazione: bisogna bere moltissimo, anche anziani e bambini, che di solito bevono poco e hanno un'alimentazione ripetitiva, devono sforzarsi. E ancora, non mangiare cibi grassi o difficili da digerire, meglio alimenti cucinati ai ferri, piuttosto un gelato alla frutta anzichè dolci elaborati, e poi frutta e verdura, basilari anche per l'apporto di minerali. Non è necessario assumere integratori - specifica il presidente dell'Ordine- se ci si idrata a sufficienza e si mangia correttamente non servono, sarà casomai il medico di base a giudicare se il paziente può averne bisogno".

Consigli che non valgono, come detto, soltanto per anziani e bambini, ma per tutti, sportivi compresi: "Ovviamente è sconsigliato fare attività fisica nele ore calde -avverte Spata- non andare in bicicletta o a correre tra mezzogiorno e le tre del pomeriggio perchè si mette sotto stress il fisico". 
Attenzione anche per i patiti della tintarella: "Il sole va preso in modo graduale -ricorda Spata- perché alla pelle non fa bene esporsi nelle ore più calde, quando inoltre si rischia il colpo di calore".

I sintomi del colpo di calore

Abbassamento di pressione, mal di testa, nausea, vomito, dispnea -ovvero disturbi alla respirazione- sono tutti sintomi di un colpo di calore. "In questi casi- conclude Spata- bisogna pre prima cosa chiamare il proprio medico di famiglia, poi sarà lui eventualmente a indirizzare verso il pronto soccorso se necessario".

Le previsioni

Tutti consigli da tenere ben presenti soprattutto nei prossimi giorni, dal momento che la situazione meteo sulla nostra provincia è destinata a rimanere identica, se non a peggiorare ulteriormente fino a toccare, in alcune zone, anche i 36 gradi nei prossimi giorni. Qualche temporale di calore è atteso, secondo gli esperti di Meteocomo, in serata mercoledì 1° e giovedì 2 agosto nel medio-alto Lario e in alta Brianza, ma le temperature rimarrano comunque elevate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Como, via Cecilio: la rivoluzione parte dalla nuova Coop

  • Ragazzino molestato in centro Como si rifugia in un bar: la polizia ferma un uomo

  • Dieci gite in giornata a partire da Como: una mini-guida per non restare a corto di idee

  • Cosa fare in settimana a Como: 7 appuntamenti per 7 giorni

  • Como: lui la picchia e la prende a cinghiate, lei si chiude in bagno e chiama i soccorsi

  • Evasione e frode fiscale nei rally: tre società nei guai per 12 milioni di euro di false fatture

Torna su
QuiComo è in caricamento