Allerta maltempo a Como: allagamenti in città

La Regione: "Rischio idrogeologico"

Pioggia su tutta la provincia

Allerta per le piogge forti sul Comasco. Ed è attesa la prima neve sulle Prealpi.

Dopo settimane di sicicità che hanno influito negativamente sugli incendi che dal 27 ottobre 2017 hanno flagellato i monti della provincia (in particolare a Veleso e Tavernerio), nella notte tra sabato e domenica 4 e 5 novembre sono arrivate le prime precipitazioni.

Per tutta la giornata di domenica cielo coperto e piogge anche di media e forte intensità si sono abbattutte sulla provincia di Como. Nel tardo pomeriggio e in serata anche  alcuni temporali locali. Spruzzate di neve saranno possibili tra i 1500 e i 1700 metri di altezza.

Situazione sotto controllo sul fronte viabilità e allagamenti per tutto il giorno, solo in serata sono iniziate le prime telefonate ai vigili del fuoco per richiedere alcuni interventi a cause delle forti piogge.

Nella giornata di domenica la protezione civile regionale ha emanato una comunicazione di criticita' (codice arancione) per rischio idrogeologico. 

E rimane alta l'allerta per il rischio idrometeo, diramato sabato 4 novembre dalla protezione civile di Regione Lombardia per le zone colpite dagli incendi. In particolare sul territorio di Tavernerio, dove si temono frane e allagamenti.

Le previsioni per la settimana

La settimana seguente comincerà ancora all'insegna del maltempo: il cielo sarà prevalentemente molto nuvoloso, con piogge anche intense. Si abbassa ulteriormente la quota della neve, da 1500 a 1300 metri.

La situazione rimarrà analoga almeno fino a giovedì, dicono i meteorologi, quando, dal pomeriggio, comincerà un lieve miglioramento.

Venerdì tornerà il vento che spazzerà via le ultime nubi, riportando il sole.

In calo le temperature: le minime oscilleranno tra 2 e 4 gradi, in picchiata fino a -1 sabato 11 novembre. Le massime, invece, saranno tra i 10 e i 13 gradi, con punte di 16 nella giornata di venerdì.

Rischio idrogeologico e idraulico

La Sala operativa della Protezione civile della Regione Lombardia ha emesso una comunicazione di criticita' (codice arancione) per rischio temporali forti a partire dalle ore 13 di sabato 4 novembre.

Per la provincia di Como c'è rischio idrogeologico (ovvero di smottamenti) e idraulico (allagamenti).

Resta alto anche il rischio per il vento forte: la Regione ha emanato il codice giallo, ovvero ordinaria criticità. 

La Protezione civile suggerisce ai Presidi territoriali di attivare un'adeguata attivita' di sorveglianza e controllo del territorio per gli scenari di rischio idrogeologico e idraulico, con effetti anche diffusi legati a instabilita' di versante, colate di detrito o di fango, fenomeni di erosione e cadute massi(anche nelle aree interessate da recenti incendi boschivi),innalzamenti dei livelli idrici, fenomeni di erosione spondale e possibili locali effetti di esondazione(anche dovuti a insufficienze locali delle reti di drenaggio urbano, in particolare nelle aree metropolitane) e possibili criticita' sul reticolo idraulico Olona-Seveso-Lambro in concomitanza anche di rovesci di forte intensita', che potrebbero determinare pericolo per la sicurezza e integrita' di beni e persone, come ad esempio:

•interruzioni della rete stradale e/o ferroviaria in prossimita' di impluvi e a valle di frane e colate di detriti o in zone depresse in prossimita' del reticolo idrico;

•danni e allagamenti a singoli edifici o centri abitati, infrastrutture, edifici e attivita' agricole, cantieri, insediamenti civili e industriali interessati da frane o da colate rapide;

•allagamenti di locali interrati e di quelli posti a pianterreno lungo vie potenzialmente interessate da deflussi idrici; •danni alle opere di contenimento e regimazione dei corsi d'acqua;

•danni a infrastrutture, edifici e attivita' agricole, cantieri, insediamenti civili e industriali situati in aree inondabili;

•danni agli attraversamenti fluviali in genere con occlusioni, parziali o totali, delle luci dei ponti dei corsi d'acqua minori e maggiori;

•danni a beni e servizi. Gli scenari di rischio vento forte, con effetti che potrebbero generare pericoli e problemi sulle aree interessate dall'eventuale crollo d'impalcature, cartelloni, alberi(particolare attenzione dovra' essere rivolta a quelle situazioni in cui i crolli possono coinvolgere strade pubbliche e private, parcheggi, luoghi di transito, servizi pubblici, etc);sulla viabilita', soprattutto nei casi in cui sono in circolazione mezzi pesanti; alla instabilita' dei versanti piu' acclivi, quando sollecitati dell'effetto leva prodotto dalla presenza di alberi; per la sicurezza dei voli amatoriali e, in generale, dello svolgimento di attivita' in alta quota; alle attivita' svolte sugli specchi lacuali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le 5 camminate più belle sul Lago di Como

  • Tatiana Ortelli, la ragazza morta nell'incidente in via per Cernobbio

  • Ritrovato il corpo di Mattia Gandola, annegato nel lago del Segrino

  • Auto cade nel lago: morta una ragazza in via per Cernobbio

  • Il racconto di una delle giovani vittime e la scoperta del night con prostituzione "di lusso"

  • Incidente via per Cernobbio, arrestato il ragazzo alla guida per reato stradale: aveva bevuto troppo

Torna su
QuiComo è in caricamento