Allagamenti, alberi caduti e tombini scoppiati: 20 interventi dei vigili del fuoco per il maltempo in provincia di Como

Cantù e Lomazzo le zone più colpite

Foto repertorio

Il forte temporale che si è abbattuto nella notte tra il 4 e il 5 luglio 2018 sulla provincia di Como ha causato molti danni e ha impegnato fino all'alba i vigili del fuoco del comando provinciale di Como. I pompieri sono dovuti intervenire per risolvere situazioni di allagamenti o per tagliare piante cadute o pericolanti. In tutto sono stati 21 gli interventi eseguiti nella notte da quando il temporale ha iniziato a sferzare il territorio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le zone più colpite sono state quelle di Cantù e limitrofi e della Bassa Comasca, soprattutto Lomazzo. Tra i problemi riscontrati ci sono anche le fognature che non hanno retto alla grande e improvvisa portata di acqua piovana. In molti casi i tombini sono straripati, come, per esempio, in via Cardano (all'incrocio con via Bellinzona) a Como.

Nella zona di Cavallasca si è abbattuto un fulmine che ha danneggiato numerosi apparecchi elettrici della zona (via alla Torre) tra i quali i cancelli automatici e i telefoni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autocertificazione per chi si sposta: il modulo aggiornato (il quarto)

  • Dall'ospedale Spata scrive una durissima lettera a Gallera: "I medici non sono stati coivolti nelle decisioni"

  • Regole più severe per tutta la Lombardia: c'è anche il divieto di sport all'aperto

  • Il questore di Como chiarisce i casi in cui per la spesa e i farmaci si può uscire dal proprio comune

  • Como, supermercati e farmacie: ora possibile misurare la febbre a chi entra

  • Il grido d'aiuto degli infermieri di Como: "Siamo pochi e ci stiamo ammalando"

Torna su
QuiComo è in caricamento