Ztl, approvata la mozione di Rapinese: basta multe a grappolo per chi non rinnova il pass

Dopo i casi eclatanti di alcuni residenti multati (ingiustamente) con oltre 3mila euro

La mozione che il consigliere comunale di opposizione, Alessandro Rapinese ha depositato a Palazzo Cernezzi a novembre 2019 è stata discussa dal consiglio nella serata di lunedì 21 gennaio. Si tratta di una proposta per evitare in futuro che qualche residente venga pluri-multato per il mancato rinnovo del pass ztl. Si sono registrati, infatti, casi in cui residenti della città murata hanno ricevuto multe per un ammontare di migliaia di euro. In almeno un caso il giudice di pace ha annullato tutte le multe prese da uno stesso cittadino, poiché sebbene il pass fosse scaduto non erano venuti a mancare i requisiti per il rilascio di tale pass. Vale a dire che il cittadino era sempore residente in ztl.
Il dibattito ha portato a una piccola modifica della mozione che è poi stata approvata all'unanimità. Trattandosi di una mozione il documento ha un valore di semplice indirizzo politico, starà ora alla giunta del sindaco Mario Landriscina farla propria e attuarla, dando così seguito alla volontà esporessa dal consiglio comunale.

Cosa cambia

La mozione di Rapinese prevede innanzitutto che il Comune avverta con due mesi di anticipo i cittadini ai quali sta per scadere il pass. Nell'attesa che l'amministrazione comunale organizzi modi e tempi per inviare questi avvisi, la mozione di Rapinese chiede che il Comune contatti "celermente i titolari dei pass ztl scaduti e multati"

La vera novità della proposta di Rapinese, però, è un'altra: "Eliminare per i soggetti/veicoli la cui autorizzazione al transito permane fino al venir meno dei requisiti che ne ha determinato il rilascio, lo strumento del pass e sostituirlo con una comunicazione della quale il Comune deve prendere atto".
Infine, la mozione di Rapinese impegna la giunta e il sindaco a "verificare se esistano strumenti giuridici legittimi - e nel caso applicarli - che possano evitare le sanzioni a grappolo anche nei confronti di quesi soggetti che non abbiano presentato ricorso".


In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, tre famiglie isolate nel comasco: misura precauzionale

  • Fobia coronavirus, a Mariano Comense prendono a sassate un anziano cinese: interviene Dj Francesco

  • Coronavirus, ancora in prognosi riservata il paziente trasferito al Sant'Anna dal Lodigiano

  • Coronavirus, scuole chiuse e vietate le visite ai parenti in ospedale

  • Coronavirus, proposta shock in Ticino: chiudere accesso ai frontalieri

  • Coronavirus, morto il paziente ricoverato all'ospedale Sant'Anna

Torna su
QuiComo è in caricamento