Residenti (e non solo) esasperati: nasce il gruppo "Riaprite la Valfresca"

Oltre un centinaio di adesioni nelle prime ore

Dopo la chiusura avvenuta a maggio del 2018 non si hanno più avuto reali e certe notizie circa la riapertura di via XXVII Maggio a Como, conosciuta ai più con il nome di Valfresca. L'importanza strategica di questa via di collegamento tra San Fermo della Battaglia e Como, utilizzata come alternativa alla Panoramica e a via Nino Bixio, ha indotto più volte gli utilizzatori di questa strada a spostare le barriere con le quali il Comune di Como ha bloccato il tratto a rischio frana. L'amministratzione è dovuta poi intervenire con i jersey di cemento. Ma in tutto questo tempo nessuno da Palazzo Cernezzi è stato in grado di dire ai residenti e a tutti i comaschi che quotidianamente utilizzavano la Valfresca quando davvero potrà riaprire.

L'esasperazione ha portato persino alla creazione di un gruppo Facebook intitolato "Riaprite la Valfresca". In poche ore dalla nascita il gruppo sul noto social network ha fatto incetta di oltre un centinaio di "mi piace". 

Solo in questi giorni si ha avuto notizia dal Comune di Como della possibilità che la situazione venga risolta una volta per tutte entro primavera, cioè allorquando i privati proprietari dell'area sulla quale c'è il rischio frana avranno eseguito e concluso i lavori di messa in sicurezza. Il Giro d'Italia, ad ogni modo, non potrà passare da questa strada, anche se non è questo il problema più grave della chiusura della Valfresca.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz nella notte a Camerlata, il simbolo della Pace al posto di quello della Lega Lombarda

  • Como, dramma in via Leoni: trovata una donna morta

  • Monet, Cézanne, Renoir, Gauguin e Van Gogh: a Lugano arrivano i capolavori della collezione Emil Bührl

  • Parchi al posto delle dogane e un laghetto a Monte Olimpino: è il progetto svizzero che piace agli italiani

  • Como, donna morta in auto sotto casa del compagno: forse l'abuso di alcol la causa

  • Provano a imitare il nostro lago: ecco la rivista americana che propone mete "che sembrano il Lario"

Torna su
QuiComo è in caricamento