Frana di Argegno, non si può più aspettare: il prefetto ordina i lavori di messa in sicurezza

Manca l'accordo con la proprietà privata del terreno franato

Basta, non si può più aspettare: bisogna eseguire al più presto i lavori di messa in sicurezza del terreno franato ad Argegno lo scorso 10 settembre 2017. Lo ha deciso il prefetto applicando una norma del testo unico degli Enti locali. La decisione è arrivata al termine dell'incontro che si è svolto in prefettura in via Volta a Como lunedì 25 luglio 2017. All'incontro hanno partecipato, oltre al prefetto Bruno Corda, il comndante della polizia locale di Argegno, il sindaco di Argegno, il comandante provinciale dei carabinieri, il responsabile della polizia stradale di Como, il rappresentante del settore strade dell'amministrazione provinciale e il responsabile di Anas per la regione Lombardia. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In poche parole il prefetto ha disposto che Anas esegua al più presto i lavori di messa in sicurezza del terreno onde evitare che la situazione, così com'è possa aggravarsi e creare ulteriori disagi al traffico e quindi anche al passaggio dei mezzi di soccorso. Ecco spiegata l'urgenza e la pubblica uitilità. Anas, di fatto, può ora procedere coi lavori anche in assenza di un accordo con la proprietà privata del terreno franato. Anas è di fatto responsabile della strada Regina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autocertificazione per chi si sposta: il modulo aggiornato (il quarto)

  • Dall'ospedale Spata scrive una durissima lettera a Gallera: "I medici non sono stati coivolti nelle decisioni"

  • Il questore di Como chiarisce i casi in cui per la spesa e i farmaci si può uscire dal proprio comune

  • Pasqua blindata, restrizioni almeno fino al 18 aprile

  • Il grido d'aiuto degli infermieri di Como: "Siamo pochi e ci stiamo ammalando"

  • All'ospedale Sant'Anna 20 dipendenti contagiati: sono medici, infermieri e operatrici socio-sanitarie

Torna su
QuiComo è in caricamento