Rivoluzione in Svizzera: primo sì alla "vignetta elettronica" dell'autostrada

Il bollino adesivo, però, non scomparirà del tutto: si potrà scegliere

Addio alla vignetta adesiva da appiccicare al parabrezza per transitare sulle autostrade della Svizzera. La Commissione dei Trasporti degli Stati ha approvato all'unanimità la proposta di istituire la vignetta elettronica. Si tratta solo del primo via libera istituzionale verso l'approvazione definitiva. L'iter politico-amministrativo deve passare ancora al vaglio del Consiglio federale per l'approvazione definitiva. In ogni caso, la piccola grande rivoluzione sembra destinata ad andare in porto.
Si tratta di una novità che interessa molto anche i comaschi, frontalieri o meno, che spesso si recano in Ticino alla volta di altri cantoni o di altri Stati europei.
Tuttavia, il vecchio bollino adesivo, introdotto nel 1985, non scomparirà del tutto. Infatti, agli utenti delle autostrade svizzere, siano essi elvetici o stranieri, verrà lasciata la possibilità di scegliere tra il vecchio e il nuovo metodo di pagamento. La vignetta elettronica andrà acquistata via internet previa registrazione della propria vettura. Il costo di questa novità si aggira intorno ai 4-5 milioni di franchi ma nel tempo garantirà un risparmio dovuto ai minori costi di stampa e vendita dei bollini, per non parlare dell'eliminazione della fastidiosa pulizia del vetro per staccare le vecchie vignette.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nei bordelli ticinesi sconti per gli italiani: anche così si combatte la crisi

  • Svizzera, l'Iceberg di Lugano riaccende le luci (rosse)

  • Tenta di stuprare una ragazza sul treno Chiasso-Como-Milano, ma lei reagisce e lo fa scappare

  • Litiga con un altro automobilista e gli disfa la macchina a pugni: è un comasco

  • Incidente in galleria a Cernobbio: viabilità al collasso

  • Nuovo supermercato in arrivo a Cernobbio

Torna su
QuiComo è in caricamento