Il destino delle mense scolastiche di Como tra pasti poco graditi e nuovi disoccupati

Confronto tra genitori e cuoche all'incontro pubblico voluto dai sindacati

Mercoledì 21 febbraio 2018 si è tenuto alle 20.30 un incontro pubblico nell'aula magna della scuola Parini di via Gramsci sulla problematica delle mense scolastiche di Como. L'incontro è stato voluto dai sindacati per illustrare lo scenario futuro del servizio mense ai dipendenti comunali (che in quelle mense e cucine lavorano) e ai genitori. La problematica, a dire il vero, è duplice, sebbene la causa sia la stessa: la decisione da parte del Comune di Como di esternalizzare il servizio cucine. 

Questa decisione si ripercuoterà, con certezza, sui dipendenti a tempo determinato delle mense (47 lavoratori da giugno 2018 resteranno senza lavoro). L'altro aspetto che preoccupa i sindacati, ma soprattutto i genitori, è la qualità del servizio. Si teme che la privatizzazione del servizio (che da settembre 2018 riguarderà solo i refettori, ma che in futuro potrebbe portare alla completa esternalizzazione di tutto il servizio di preparazione dei pasti e alla chiusura delle cucine collegate alle mense) possa portare a un peggioramento della qualità dei pasti. Per i sindacati una possibile soluzione, per entrambe le problematiche, potrebbe essere la realizzazione di un centro unico di cottura gestito direttamente dal Como.

Ad ogni modo, l'incontro pubblico si è trasformato in un confronto tra genitori e chuoche (e cuochi) delle mense. Qualche mamma e qualche paà ha espresso, tutto sommato, gradimento per la qualità dei pasti preparati. Altri genitori, invece, hanno parlato di cibo poco gradito ai bambini, tanto da costringere qualcuno a pranzare solo con acqua e pane, o acqua e insalata. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Insomma, con il destino delle mense scolastiche di Como si gioca la partita sule futuro lavorativo di 47 precari (e forse anche dei 70 colleghi a tempo indeterminato) ma anche la qualità dell'alimentazione dei bambini. Né lavoratori né genitori intendono stare a guardare. Per il Comune di Como si prospetta una stagione di confronti su entrambi i fronti. E le ripercussioni potrebbero esserci anche sulla giunta del sindaco Mario Landriscina, visto che i dipendenti comunali delle mense scolastiche hanno proclamato lo stato di agitazione

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pasqua blindata, restrizioni almeno fino al 13 aprile

  • Turismo sul Lago di Como, si prospetta una tragedia economica

  • Bonus spesa e cibo: gli aiuti del governo in provincia di Como arriveranno attraverso i servizi sociali

  • Lomazzo, ragazza di 28 anni tenta il suicidio buttandosi dal secondo piano

  • Isolamento estremo: a Fino Mornasco dal 22 febbraio una famiglia con 2 bimbe non esce di casa

  • Lutto nella polizia penitenziaria: si toglie la vita un assistente capo di Como

Torna su
QuiComo è in caricamento