Comprare casa a Como: come scegliere quartiere, immobile e notaio

A cosa prestare attenzione prima di procedere all'acquisto

Casa

Prima di decidere che quella che hai appena visitato è la casa dei tuoi sogni, fermati e rifletti. Sono molti, infatti, gli aspetti da considerare prima di lanciarsi nell’acquisto della vita. 

Il quartiere

La disponibilità di servizie infrastrutture anche a Como può cambiare molto da quartiere a quartiere.  

Se si sta mettendo su famiglia e si pensa di avere bambini, sarà molto importante la vicinanza di asili e scuole oltre che di palestre o parchi: meglio evitare, quindi, quartieri dormitorio o residenziali in senso stretto che impporrebbero frequenti spostamenti in auto.

Se l’età incalza, decisamente da preferire una zona con una buona scelta di negozi, in particolare di alimentari, e luoghi di ritrovo come piazze, cinema o teatri da raggiungere a piedi, senza bisogno di lunghi spostamenti, insomma il centro storico.

Chi trascorre tutto il tempo in giro per lavoro, invece, potrà scegliere una qualsiasi zona perché tanto a casa resterà solo per dormire.

In ogni caso, prima di decidere, sarà sempre bene prestare attenzione a:

  • illuminazione pubblica e confort della zona
  • livelli di traffico, sia per il rumore notturno che per i tempi degli spostamenti o il parcheggio
  • trasporti pubblici: anche se ci si sposta in bici, moto o auto, tornano sempre comodi
  • servizi minimi come farmacie e supermercati
  • decoro e arredo urbano: sono indici di una buona vivibilità e anche della possibilità che l’investimento si rivaluti

L’immobile

La prima cosa cui prestare attenzione, ovviamente, è il budget. Meglio utilizzarlo come filtro prioritario per la pre-selezione degli appartamenti da visitare. In questo modo si eviteranno delusioni.  Sia che siate giovani, sia che abbiate superato la soglia degli “anta”, infatti, in ogni caso è preferibile resistere alla tentazione di sforare il budget: acquistare casa è importante, ma anche vivere serenamente come non dover costantemente rinunciare a piccoli piaceri, dalla gita fuori porta al cinema.

La casa poi deve essere adeguata allo stile di vita che si conduce: il giardino diventerà una jungla se non siete mai a casa e amate trascorrere il weekend fuori città; un appartamento molto grande richiede più tempo per le pulizie; un attico al 10mo piano senza ascensore terrà lontano qualsiasi ospite, anche quelli più graditi e così via.

Soprattutto, la casa non si cambia molto spesso: meglio sempre pensare in ottica di futuro, soprattutto quando si tratta di disagi.

Avere ben chiare le cose cui è impossibile rinunciare renderà infine più semplice la scelta: l’ideale, quindi, è fare una lista di priorità come ad esempio parcheggio o box coperto, vista panoramica, balcone o terrazzo etc

Il notaio

Indispensabile per la stipula dell’atto d’acquisto è il notaio.

La scelta del notaio non può essere imposta da altri professionisti, agenti immobiliari, mediatori e dovrebbe essere basata su un rapporto di fiducia e non esclusivamente dal costo della prestazione, basato sulla tariffa notarile, che è relativamente rigida, oltre che sulle voci di spesa (visure, bolli etc) oltre che sui compensi per consulenza, attività preparatorie e adempimenti.

Se non si ha già un notaio di fiducia, è comunque consigliabile chiedere preventivi e raffrontarli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Remo Ruffini, presidente di Moncler a Fontana: "Ridateci i milioni donati per la Fiera"

  • Un malore improvviso: addio a Mario Bottiani, fiorista del mercato coperto

  • Ecco cosa cambia se Como entra in zona arancione

  • Mascherine: i 5 errori da non commettere per evitare il contagio

  • Follia Lidl, anche nel Comasco file e corse per le scarpe (comprate a 12.99 e già in vendita a 200 euro)

  • Il Lago di Como, da paradiso dei vip a caso mondiale di covid: un danno incalcolabile

Torna su
QuiComo è in caricamento