menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il percorso Kneipp di Lurate Caccivio

Il percorso Kneipp di Lurate Caccivio

Percorso Kneipp a Lurate Caccivio: la "spa" gratuita dei comaschi

Tante persone domenica 3 settembre nell'area di via Battisti

Non solo lago. Tante persone domenica 3 settembre hanno approfittato della giornata festiva di sole per una salutare camminata nel percorso idroterapico di Lurate Caccivio. 

Si accede all'area del nuovo parco di via Battisti dalla stradina che costeggia il cimitero di Lurate Caccivio.

Un anello di circa 60 metri diviso in una parte asciutta e in una in mezzo all'acqua fredda da percorrere rigorosamente a piedi nudi: si parte da un sentiero diviso in tratti in ghiaietto, terreno vegetale e acciottolato per permettere una differente stimolazione alla pianta del piede. 
Poi la parte in acqua, da compiersi controcorrente per avere i migliori effetti: si tratta di un camminamento in beole coperto da un velo d'acqua di pochi centimetri direttamente prelevata dalla falda ad una temperatura di circa 13°. 
Una vasca con acqua all'altezza variabile di 20/30 centimetri lo divide in due sottopercorsi. 
Il tutto è dotato di corrimano a cui attaccarsi per evitare il rischio di caduta.

Domenica erano tante le persone, residenti di Lurate ma anche comaschi e dei paesi limitrofi, che hanno cercato svago e refrigerio nell'area, fresca e ombreggiata grazie alle numerose piante che la circondano.
Molti i bambini, divertiti dalla possibilità di stare con i piedi in acqua. 
Una piccola spa gratuita, a due passi da casa, sempre molto frequentata.

Cos'è il percorso Kneipp

Il percorso Kneipp è un trattamento idroterapico molto conosciuto che prende il nome dal suo ideatore Padre Sebastian Kneip (17 maggio 1821 Stephansried-Baviera /17 giugno 1897 Bad Wörishofen - Baviera). 
Questi, a seguito di una polmonite tubercolosa contratta all'età di 28 anni e per la quale era stato dato per spacciato, cominciò a interessarsi alla medicina naturale e all'idroterapia.
Ogni giorno raggiungeva di corsa le rive del Danubio e si tuffava nudo e per pochi secondi nell'acqua gelida; poi, dopo essersi rivestito, correva a casa. Nell'arco di sei mesi era guarito.

Kneipp poté così intuire che stimoli improvvisi e costanti con acqua fredda attivano il sistema immunitario e quello circolatorio. 
Il moderno percorso idroterapico Kneipp prevede impacchi, getti d'acqua, bagni nell'acqua, nella neve e nella rugiada, associati a stimoli per la pianta del piede. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Lombardia, nuova ordinanza: intere province in arancione "scuro"

WeekEnd

Le 5 migliori gite del weekend in zona gialla sul Lago di Como

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

QuiComo è in caricamento