Anche la "rastrello terapia" di un pensionato di Asso al Villaggio della Coldiretti al Castello Sforzesco di Milano

Mario Villa tra i protagonisti dell'area antichi mestieri contadini

Mario Villa e la sua rastrello terapia

C'è anche la “rastrello terapia” comasca alla vigilia della festa dei nonni domenica 1° ottobre 2017 tra i protagonisti al Villaggio della Coldiretti allestito al Castello Sforzesco di Milano.

Dall’ascia per spaccare la legna al fiasco da scuotere per fare il burro, passando dall’uncinetto antri stress fino all’intreccio delle foglie di mais per allenare le mani e le dita, i “nonni atleti” della regione Lombardia si sono ritrovati alla vigilia della festa dei nonni per illustrare i segreti del “fitness agricolo” della terza età.

Tra gli antichi mestieri contadini anche la “rastrello terapia” illustrata da Mario Villa, pensionato di Asso, in provincia di Como. 

«I rastrelli li faccio da sempre, da quando sono piccolo. Ci vuole manualità per creare un oggetto ben fatto, la stessa manualità che ho imparato da mio padre, e lui dal suo» racconta Villa, mentre costruisce il suo strumento capace di «tenere in allenamento precisione e riflessi».

Il rastrello di legno è uno strumento della tradizione artigiana dei contadini, ormai sostituito da quelli di plastica — prosegue l’associazione degli agricoltori —. Il manico veniva generalmente fatto con legno di nocciolo, perché unisce le qualità di leggerezza e resistenza — illustra la Coldiretti Como Lecco—, la barra per la rastrelliera solitamente veniva fatta in legno di frassino per una lunga duratura nel tempo e, infine, i dentini venivano realizzati con il corniolo, che per la sua durezza era impiegato anche per fare gli aratri di legno.

«Sono oggetti che una volta si facevano quando pioveva o nevicava e non si poteva lavorare la terra — spiega il signor Villa —. Creavamo strumenti nuovi, o ne riparavamo di vecchi. Avevo un vicino di casa che addirittura faceva le “scarpe” per i buoi, visto che gli animali un tempo ci aiutavano con il lavoro della campagna, noi gli restituivamo il favore con questi strumenti».

Secondo uno studio svedese — spiega Coldiretti —, fare l’orto, zappare e seminare la terra è l’ideale per gli over 60 poiché riduce di quasi un terzo il rischio di morte, diminuendo del 27% la probabilità di incorrere in attacchi cardiaci o ictus. Questi lavori manuali – conclude Coldiretti — aiutano ad allenare il corpo e la mente. E, insieme alla dieta mediterranea ha permesso all’Italia di scalare la classifica di lunga vita con gli ultracentenari che in 10 anni sono passati da 10mila a oltre 17mila, con un aumento del 70 per cento.

Gli italiani hanno raggiunto così livelli record di longevità con 80,3 anni per gli uomini e 85,2 anni per le donne.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, infetto un ragazzo della Valtellina. I contagi in Lombardia sono già 89

  • Coronavirus a Como: paziente infetto trasferito all'ospedale Sant'Anna

  • Coronavirus, non solo le scuole: dalle 18 chiusi pub e discoteche, non i ristoranti

  • Coronavirus, proposta shock in Ticino: chiudere accesso ai frontalieri

  • Il panino più caro d'Italia è sul Lago di Como

  • Da Moreno, in crisi la catena dello shopping low cost: timore per i dipendenti di Olgiate e Vertemate

Torna su
QuiComo è in caricamento