Università dell'Insubria: a due docenti un prestigioso finanziamento dalla Svezia

Obiettivo: tradurre le "memorie italiane" di Jacob Jonas Björnståhl

Elisa Bianco e Paolo Luca Bernardini, docenti di Uninsubria

La Fondazione Lerici di Stoccolma ha deciso di assegnare a Elisa Bianco e Paolo Luca Bernardini - ricercatrice e professore ordinario di Storia moderna dell’Università dell’Insubria, Dipartimento di Scienze umane e dell’innovazione – un finanziamento per tradurre i capitoli sull’Italia dei cinque volumi scritti da Jacob Jonas Björnståhl, erudito professore svedese di fine Settecento, per una pubblicazione che uscirà nel 2021 per l’editore Città del Silenzio.

“La Fondazione Lerici – spiega Paolo Bernardini – è un’istituzione legata fin dagli anni Quaranta del secolo scorso al Ministero degli Esteri italiano, che opera in Svezia dal 1942 grazie all’Istituto Italiano di Cultura. È intitolata a Carlo Maurilio Lerici, industriale nato a Verona nel 1890 e morto a Roma nel 1981, che operò ampiamente in Svezia a partire dagli anni Trenta del Novecento, lasciando già in vita una ricca dotazione per la promozione dei rapporti culturali da Italia e Svezia”.

“Il nostro progetto – racconta poi Elisa Bianco, che insegna sia a Como che a Varese– è la pubblicazione in italiano dell’opera odeporica, ovvero di letteratura di viaggio, dell’erudito e professore svedese Jacob Jonas Björnståhl (Näshulta, 23 gennaio 1731 – Salonicco, 12 luglio 1779), per quel che riguarda la parte dedicata all’Italia. L’opera si intitola Resa till Frankrike, Italien, Schweiz, Tyskland, Holland, Ängland, Turkiet och Grekeland (ovvero Viaggio in Francia, Italia, Svizzera, Germania, Olanda, Inghilterra, Turchia e Grecia) e fu pubblicata postuma in cinque volumi tra il 1780 e il 1784”.

In realtà dell’opera esiste una traduzione italiana del tempo, ma gli studiosi la considerano molto inaccurata, perché basata sulla traduzione tedesca e ricca di errori. Usando invece l’originale svedese, affiancato alla traduzione tedesca e a quella italiana, gli studiosi di Uninsubria forniranno in fine un’edizione commentata del lavoro, di “uno dei più curiosi ed insoliti testi odeporici sull’Italia di fine Settecento, osservata da prospettiva spesso inedite, con arguzia e non senza singolari pregiudizi, come per esempio quello contro la Sardegna che provocò una vera e propria levata di scudi”, conclude Bianco.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A Malpensa Fiere 368 candidati al test per accedere alle scuole di specializzazione dell’area medica

  • Formazione per il tessile con la Fondazione Setificio

  • Università Insubria incontra le matricole per le biotecnologie e la realtà virtuale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
QuiComo è in caricamento