Domenica, 16 Maggio 2021
WeekEnd

Le 7 migliori gite del weekend al Lago di Como e dintorni

Le leggende e la bellezza del Lario, panorami mozzafiato da riscoprire

Lago di Como (foto m/p)

Insieme ai magnifici 7 borghi del lago di Como, ecco anche qualche idea per affrontareil primo fine settimana di maggio in zona gialla all'insegna della bellezza. Una piccola guida per trascorrere questi giorni di nuova all'aria aperta senza restrizioni alle gite fuori città. Così, inseguendo il sapore delle leggende, dell'arte e della magia del Lario, ecco sette idee per escrursioni e passeggate alla portata di tutti in alcune delle nostre più suggestive location con vista mozzafiato.

1 - Città fantasma

Un panorama surreale ma assolutamente aderente alla sua incredibile storia. Quella di una conquista d'altri tempi, quando il denaro e la vanità sembravano non avere davvvero ostacoli. Soprattutto negli anni '60, la stagione del boom economico. Di quel sogno, che per molti fu solo un incubo, oggi rimane tutta la desolazione che solo il fascino distopico di un futuro impossibile può lasciare. Eppure da questi ruderi ancora emergono tutti gli strati di umanità che hanno attraversato un luogo ancora in grado di conservare tutto il suo fascino decadente. Una storia che si può dividere in tre parti: quella prima dell'arrivo del Conte Mario Bagno; quella scritta dagli edifici arabeggianti, memoria di un lampo di lucida e pervicace follia; quella segnata dai graffiti sacri e profani di chi infine ha occupato questa città fantasma. Continua.

consonno città fantasma 4-2

2 - Da Rovenna a Carate

Se avete buone gambe, non c'è confine che tenga. E arrivare ad esempio a Rovenna a piedi da Como non è certo impossibile. E sappiamo bene quanto le passeggiate il nostro lago di Como siano stati un'ancora di salvezza in questi giorni legati. E proprio da Rovenna parte un lungo percorso accessibile a tutti che arriva fino a Carate Urio attraversando Moltrasio da dove si gode una vista incredibile del Lario. Ma non solo, perché lungo questo agevole sentiero che corre dritto vi sono molti punti interessanti da osservare come puntalmente riporta segnalato dai cartelli di "Moltrasio, Storia d'acqua e di pietra".  Vediamoli insieme. Continua

tosnacco 4-2

3 - Castel Baradello

Forse non tutti lo sanno ma la cripta del maniero del Castel Baradello fu adibita a stanza delle torture, specialmente per coloro che erano accusati di stregoneria. In particolare, la Torre del Baradello è legata alle vicende del suo illustre prigioniero Napoleone Torriani. Si narra che nel 1277, durante la battaglia di Desio tra Torriani e Visconti, i primi vengono sconfitti e il comandante condottiero Napo Torriani, venne imprigionato ed appeso in una gabbia esposta a tutte le intemperie. Dopo 18 mesi di prigionia, Napoleone della Torre morì di stenti il 16 agosto del1278, anche se alcuni storici narrano che si tolse la vita fracassandosi la testa contro le sbarre. La leggenda vuole poi che il suo fantasma si aggiri ancora agonizzante tra le mura della torre. Napoleone della Torre fu il più potente esponente della nobile Casata guelfa dei Della Torre. soprannominati anche Torriani. Continua

baradello-video-2-2

4 - Bolla del Monte Crocione

All'improvviso, dopo un'altra curva in salita, sembra di sbucare in una foto d'altri tempi, in una bolla di mondo non consumata dalla frenesia del progresso. Eppure negli anni '80 quella del Monte Crocione, in Val d'Intelvi, era una delle mete sciistiche più amate dai comaschi insieme alla Sighignola. Di quel tempo, segno di una stagione a colori che abbiamo quasi dimenticato, oggi rimangono solo i resti delle strutture del vecchio impianto di risalita. La vita ora è scandita dal silenzioso lavoro di una vecchia fattoria dove si allevano capre e galline, dall'abbaiare di una cane pastore, che abbaia al nostro arrivo più per dovere che per necessità. E' un  luogo così lontano dalla narrazione quotidiana della città, da apparire quasi immune alla pandemia. E' un po' come se avesse in copro anticorpi naturali più efficaci di ogni vaccino. Continua

bolla monte crocione 8-2

5 - Conca di Crezzo

Appena si arriva alla Conca di Crezzo, dove incontriamo l'omnimo laghetto, sembra di entrare in un altro mondo. Da questo piccolo paradiso della natura si può affrontare la salita alla cima tondeggiante del Monte Megna, che domina la Valassina, mentre una deviazione nella parte iniziale porta all’ Alpe di Monte, altro punto spettacolare da cui si domina il lago di Como sia verso la punta di Bellagio sia verso il ramo lecchese. Il laghetto di Crezzo è un piccolo ambiente umido ancora ben conservato, in un contesto paesaggistico molto suggestivo, circondato dal verde delle montagne, con una vista spettacolare sull’imponente massiccio delle Grigne e sul sottostante lago di Como. Questo specchio d’acqua, di origine intermorenica, è inserito in una coltre di materiale depositato dal ghiacciaio proveniente dal ramo di Lecco durante il suo ultimo ritiro. Ha una superficie media di circa 10.600 m2 ed una profondità massima compresa tra 1,60 e 2,50m; questi dati però sono estremamente variabili in relazione alle precipitazioni. Continua.

conca crezzo lago mp 222.jfif-2

6 - Antica Strada Regia (Lezzeno)

L'antico sentiero della Via Regia collegava Como a Bellagio attraversando i paesi affacciati sulla riva destra del ramo occidentale del lago di Como: quello che dalla città arriva sino a Bellagio. Secondo alcuni storici il sentiero fu percorso nel 1095 da Papa Urbano II, diretto al concilio di Clermont Ferrand per sostenere la Prima Crociata. I primi documenti ufficiali che menzionano la Strada Regia sono del XVI secolo, nel 1721 una mappa del tracciato venne inserita nel Catasto Teresiano (Ducato di Milano) voluto da Carlo VI d'Asburgo. Agli inizi del XX secolo con la costruzione della Strada Provinciale 583, che in molti tratti ricalcava l'antico cammino, la Strada Regia cadde in disuso e per gli spostamenti su queste vie iniziò l'era dei veicoli a motore. Noi abbiamo percorso una parte dell'ultimo tratto, quello che salendo dall'abitato di Lezzeno arriva fino al Ponte del Diavolo. Una camminata che non presenta particolari difficoltà, quindi adatta a tutti in qualsiasi periodo dell'anno. Dopo aver attraversato alcuni angoli caratteristici dell'abitato, si inizia a salire fino a dominare il Lago di Como e tutta la Tremezzina. Continua.

lezzeno strada regia ponte del diavolo 15-3

7 - Chiesa San Vittore (Brienno)

Dopo aver dedicato un articolo all'antico borgo di Brienno e all'adiacente Chiesa dell'Immacolata che trovate anche qui sotto, vi proponiamo un altro gioiello che si incontra poco prima di entrare in questo paese della riva occidentale del Lario, geloso custode dei suoi tanti tesori. Percorrendo in auto la statale Regina Nuova in direzione Menaggio è possibile scorgere a lago solo una porzione del suo esile e antico campanile. Essendo adiacente ad un tratto di strada dove non è agevole fermarsi, arrivando da Como c'e solo una piccola area di sosta sulla destra pochi metri prima della scaletta che conduce all'edificio, è probabile che la Chiesa di San Vittore sia sfuggita anche agli occhi più attenti. Continua.

lago como chiesa vittore brienno mp 1-2

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le 7 migliori gite del weekend al Lago di Como e dintorni

QuiComo è in caricamento