rotate-mobile
WeekEnd

5 eventi da non perdere a Como e dintorni durante il ponte del 25 aprile

Fiere, escursioni culturali e mostre: cosa fare nel lungo weekend

Un fine settimana del 25 aprile denso di appuntamenti, sperando che il meteo non faccia capricci come capita spesso in questa stagione. In ogni caso, mentre la città e il lago saranno nuovamente invasi dai turisti, ecco qualche suggerimento, oltre alle gite che trovate qui, tra i tanti eventi in agenda che prevedono concerti, mostre ed escursioni culturali a Como e dintorni.

1 . Lario Critical Wine

vino enoteche-2

Dopo due anni di assenza torna il Lario Critical Wine, manifestazione eno-gastronomica che si propone come luogo d’incontro con produttori e produzioni vinicole, e non solo, rispettose dell’ambiente e del lavoro e che operano rispettando e difendendo i territori. La decima edizione si svolgerà domenica 24 aprile a Cantù, dalle 10 alle 18, ed è parte dell’ampio calendario di eventi organizzati dalle realtà politiche e associative del territorio canturino per celebrare il 25 aprile e la Liberazione. Come nelle edizioni precedenti ad organizzare e promuovere l’evento ci sarà il circolo Arci Terra e Libertà, da anni attivo sul territorio provinciale nella promozione di un vino “buono e giusto” in linea con i  valori che furono di Luigi Veronelli. Continua

2 . Agrinatura

agrinatura2-2

Torna a Lariofiere Agrinatura, fiera attesa nei giorni 23, 24 e 25 aprile a Erba. Con Agrinatura si vogliono affermare alcuni concetti legati al tema agricolo, tra cui la difesa della biodiversità e la costruzione di reti territoriali che uniscono gli operatori agricoli. Agrinatura è infatti espressione della valorizzazione della sfera rurale territoriale, vista come motore aggregante delle comunità che si ritrovano intorno ai temi dello sviluppo sostenibile, di un turismo green, della salvaguardia della natura e delle tradizioni che per attuare questi scopi si aprono all’innovazione tecnologica. Agrinatura è il Salone BtoC dedicato alla valorizzazione della filiera agricola, forestale, zootecnica ed alla promozione del turismo rurale e del patrimonio naturalistico e ambientale. Continua.

3 . Villa del Grumello

Villa del Grumello-3

Proseguono le attività per il pubblico nel parco del Grumello, sia alla domenica sia infrasettimanalmente. L’attenzione in questi primi mesi di apertura 2022 è posta in particolare alle iniziative dedicate al benessere e al miglioramento della qualità della vita. Vis medicatrix naturae è il motto del Grumello scolpito sulla pietra all’ingresso della tenuta. Ad intrecciarsi col potere rigenerante della natura del Grumello e ad amplificarlo sono in particolare le discipline energetiche orientali: yoga, qi gong e taiji quan, meditazione, giochi marziali per i bambini e i ragazzi. “Coltiviamo l’energia” è il contenitore, tra pratica e meditazione, che le racchiude e che prevede un appuntamento ogni domenica di apertura del parco al pubblico e da maggio anche appuntamenti infrasettimanali, per adulti e bambini. Continua.

4 . Astratte - Villa Olmo

carla-badiali-2

Dal 19 marzo al 29 maggio 2022 le sale settecentesche di Villa Olmo a Como ospitano ASTRATTE. Donne e astrazione in Italia 1930-2000, mostra organizzata dal Comune di Como e curata da Elena Di Raddo che racconta alcune protagoniste dell’arte astratta italiana a lungo trascurate o dimenticate che, grazie all’attività critica svolta in particolare negli ultimi vent’anni, stanno tornando al centro dell’attenzione. La storia dell’arte astratta infatti, in Italia come nel resto d’Europa, è una storia sostanzialmente al maschile, scardinata per la prima volta nel 1980 dall’importante mostra L’altra metà dell’avanguardia, a cura di Lea Vergine, che per la prima volta, porta alla luce le donne dimenticate dalla storia dell’arte, tra cui anche alcune artiste parte del gruppo degli astrattisti comaschi, le stesse che sono state raccontate in occasione delle grandi mostre Elles font l’abstraction al Centre Pompidou di Parigi e Women in Abstraction al Guggenheim Museum di Bilbao. (Sotto l'arrivo delle opere a Villa Olmo. Continua

5 - Radice in Pinacoteca

Radice stampa 1-2

ll nuovo allestimento, visitabile sino al 31 dicembre 2022.  indaga il rapporto di Mario Radice (Como, 1898-1987), una tra le figure più complesse nel panorama del primo astrattismo italiano, con gli amici architetti, Giuseppe Terragni e Cesare Cattaneo, un rapporto di stima e amicizia, ma a volte anche conflittuale. Le opere trovano un chiaro riferimento in immagini fotografiche d’epoca, scritti, disegni preparatori e studi su carta, tra cui molti inediti conservati presso gli archivi della Pinacoteca di Como - in gran parte provenienti dal Fondo Mario Radice - che approfondiscono il rapporto ideativo, progettuale e di collaborazione dei protagonisti.

Tutti gli altri appuntamenti 

Tutti i Mercatini in città

Tutte le gite al lago di Como

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

5 eventi da non perdere a Como e dintorni durante il ponte del 25 aprile

QuiComo è in caricamento