Tavernerio, il comune ringrazia i volontari che hanno lottato nell'incendio

Una serata dedicata a chi ha difeso il paese nell'emergenza

Baita in fiamme nell'incendio di Tavernerio

Si svolgerà sabato 18 novembre 2017 all'auditorium di Tavernerio la serata di ringraziamento dei volontari delle squadre antincendio boschivo intervenuti nell'incendio che da venerdì 27 ottobre per quasi una settimana ha devastato i boschi del paese.

La manifestazione

Sarà un momento di ringraziamento collettivo organizzato dal comune di Tavernerio rivolto agli uomini e alle donne che si sono impegnati in quei drammatici momenti. 
Durante l'emergenza sono stati impegnati circa 150 volontari che si sono alternati in squadre durante i sei giorni che ci sono voluti per avere ragione delle fiamme. 
La serata inizierà alle 21 e si svolgerà all'auditorium del paese.
Seguirà una cena sociale riservata ai volontari presso il centro civico Rosario Livatino. Sono attese circa 90 persone.

L'incendio

Nell'incendio sono andai distrutti circa 200 ettari di boschi di conifere, praticamenti tutti quelli presenti nel territorio di Tavernerio.
Per giorni hanno lavorato volontari antinicendio (oltre a quelli del luogo, sono arrivati anche rinforzi dalle province di Monza e Brianza e da Lecco), vigili del fuoco e canadair. Qui il video dei velivoli in azione per spegnere le fiamme.

Finestre chiuse

Oltre alla devastazione dei boschi, l'incendio ha messo a rischio anche la qualità dell'aria.
Il sindaco di Tavernerio, Mirko Paulon, aveva infatti emesso un avviso in cui invitava la cittadinanza a mantenere chiuse le finestre e a limitare il ricambio d’aria nelle abitazioni solo nei momenti in cui si percepiva una minore o scarsa presenza di fumo. 
Chiesto anche all'Arpa di Como di monitorare la qualità dell’aria, al fine di garantire la tutela della salute della popolazione. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, oltre 200 contagi: in Lombardia sono 173.

  • Coronavirus, ancora in prognosi riservata il paziente trasferito al Sant'Anna dal Lodigiano

  • Coronavirus, scuole chiuse e vietate le visite ai parenti in ospedale

  • Fobia coronavirus, a Mariano Comense prendono a sassate un anziano cinese: interviene Dj Francesco

  • Coronavirus, proposta shock in Ticino: chiudere accesso ai frontalieri

  • Coronavirus, morto il paziente ricoverato all'ospedale Sant'Anna

Torna su
QuiComo è in caricamento