rotate-mobile
Libri

Volevo diventare grande, il nuovo libro di Mario Schiani

Il viaggio epico di Ibu

Un libro necessario, epico e attuale. Una storia di oggi narrata dalla penna sensibile e appassionata di Mario Schiani.  Senza retorica, senza sconti, senza frontiere. Volevo diventare grande, edito da Dominioni Editore, prefazione di Nello Scavo, verrà presentato a Como domenica 9 giugno, alle 17, all'interno di Parolario, e sarà poi in libreria dal 15 giugno. 

Volevo diventare grande

libro schiani

A nove anni Ibu ha due sogni da realizzare.
Il primo: diventare una star della musica come il suo idolo, Takana Ja. E tra un dispetto e l’altro alla sorellina Fatu, si sta già impratichendo con il suo tamburo e insiste con mamma e papà a farsi iscrivere alla scuola di musica. Mamadou e Adama, i suoi genitori, sanno che Ibu non basta “saperlo prendere”; no, bisogna proprio dargliela vinta: in effetti, rispetto agli altri bambini della sua età, dire che Ibu è competitivo è riduttivo; gli piacciono sempre e solo le cose da grandi, come il caffè o i film d’azione di Van Damme. Ecco, infatti, il suo secondo sogno: diventare un adulto, e prima possibile. Il destino lo accontenta in una mattina di luglio: mentre in lontananza si intravedono i fumi neri causati dalle esplosioni di una protesta politica, a casa di Ibu si abbatte una tragedia famigliare che cambierà per sempre il corso della sua vita.

Da quel momento, comincia per lui un’epopea verso l’età adulta. Un viaggio lungo dieci anni che, da Conakry, capitale della Guinea, lo porterà negli inferi del continente africano; tra i cercatori d’oro delle miniere; nel deserto dei trafficanti di uomini; sfruttato da un gruppo di gangster libici; per poi affrontare, infine, le acque del Mediterraneo.

Mario Schiani mette in fila le tappe di un viaggio epico e lo colora con il racconto personale di una crescita. Narrando l’odissea del protagonista, e attraverso una grande galleria di personaggi e situazioni, Volevo diventare grande subito si dimostra un ritratto vivido e brutale del fenomeno migratorio e dei nostri tempi. Ibrahima Rana Dia, Ibu, potrebbe essere il protagonista di una fiaba gotica o l’eroe di un romanzo dickensiano votato alla sopravvivenza e alla ricerca di libertà.
Ma è tutto vero. Ed è tra le pagine di questo libro.

Mario Schiani

È giornalista professionista dal 1988. Il suo esordio nella narrativa risale al 2009 con La banda delle Quattro Strade (Salani), finalista al premio nazionale di letteratura per ragazzi “Il gigante delle Langhe”. Nel 2020 un secondo romanzo, Quel dolce nome (Giovane Holden Edizioni). Nel 2021, Il fucile dietro la schiena (Dominioni Editore), scritto con il fratello Paolo e incentrato sul dramma degli internati militari nella Seconda guerra mondiale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Volevo diventare grande, il nuovo libro di Mario Schiani

QuiComo è in caricamento